Esdras, il poeta dell’amore tra il sole e la luna. (parte prima.)

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Esdras, il poeta dell’amore tra il sole e la luna. (parte prima.)

Dopo Porto de Galihnas ci trasferimmo in taxi a Joao Pessoa, il tassista aveva bisogno di lavorare così ci fece un prezzo stracciato, assomigliava un poco a Sean Connor e aveva una voce impostata da cantante lirico, ci sistemò in un hotel di sua fiducia sul lungomare della capitale del Paraiba, il tempo di lasciare i bagagli e scendemmo sulla spiaggia, per puro caso vi erano alcuni buggies e buggereiros, ovvero conducenti di buggies, indossavano la maglietta di guida ufficiale, ci informammo sulle escursioni nei dintorni, se vi era la possibilità di cambio euro e di un locale in cui cenare, una guida si fece avanti, disse che ci avrebbe accompagnato al cambio e poi al ristorante.

la guida si chiama Esdras Alves Pessoa filho, è decisamente un tipo, mezzo barbone e mezzo artista, la mia stessa età, è del 68 come me, barba e occhi neri, racconta di aver viaggiato tre mesi lo scorso anno in Francia e Spagna per una rassegna di danza e musica folk , parcheggia davanti al negozio di cambio sul lungomare, scende dal buggy, d’un tratto si accorge della luna che sta sorgendo sul mare e preso da raptus inizia a declamare una poesia d’amore per la luna, noi rimaniamo a bocca aperta ammaliati dalla sua poesia e dal suo modo di recitare , anche se capiamo una parola sì e una no, restiamo incantati e incuriositi dalla sua personalità.

Dopo aver cambiato euro in reais, invitiamo Esdras a cenare con noi, ci porta in uno dei migliori ristoranti tipici della città, il Mangai, è un self service a chilo con un ottimo rapporto prezzo qualità, la cui specialità è la carne do sol. C’è subito sintonia con Esdras e ci racconta del suo libro in versi, il poema d’amore del sole per la luna, dalla borsa sdrucita di cuoio estrae la sua tessera di guida neo diplomato, un ritaglio di giornale dove si annuncia la pubblicazione del suo libretto e una copia di questo, che noi compriamo facendocela autografare, dopo cena scappa via dalla famiglia, ha un figlio, siamo d’accordo per rivederci domani prima a cena nello stesso luogo e poi a compiere una visita notturna alla città.

Quella notte all’ hotel non fu delle migliori . Il lungomare era ordinato tranquillo con le palme precise tutte in fila e la gente che al mattino fa jogging, tutto perfetto tranne che sotto all’hotel vi era un bar che faceva musica fino a tarda notte e i vetri della camera erano rimasti bloccati aperti e non si riuscivano a chiudere, così nonostante i tappi non riuscii a chiudere occhio, mi ero decisa che l’indomani la prima cosa che avrei fatto sarebbe stata di cambiare hotel, non riuscivo neppure ad apprezzare la tranquillità del lungomare, certo di giorno era tranquillo ma la notte quel bar infernale rovinava ogni cosa!

Così dopo colazione facemmo armi e bagagli e ci spostammo a piedi di un 300 mt in un altro hotel, ma era al completo e poi costava troppo, capirai circa 35 euro in due, e così ci segnalarono una piccola pousada nella strada parallela a questa, fui molto soddisfatta perchè costava la metà anche se in realtà era proprio una bettola, uno di quei posti in cui vanno le coppie clandestine, ma vi era un gran silenzio e la camera era proprio spaziosa anche se il bagno era appena sufficiente ma vi era pace!

Così quella sera Esdras il poeta fu molto sorpreso dal nostro cambio di hotel e probabilmente realizzò che eravamo in economia, infatti ci chiese sempre dei prezzi molto contenuti per il suo lavoro di guida. Tardammo un attimo ad uscire dalla camera e lo trovammo a fare gli occhi dolci alla ragazza della reception, non perdeva mai un secondo!

Ritornammo a cenare al Mangai, Esdras ci raccontò del cangaceiro Lampeao, al cui costume sono ispirati l’arredo del locale e la divisa dei camerieri, questo brigante si confezionava da solo gli abiti con la pelle delle capre e aveva creato una specie di moda, Lampeao è diventato una leggenda ed è molto amato.

Joao Pessoa è fortemente caratterizzata dall’amore per il teatro e per la danza folkloristica. nome della città è un omaggio al politico Joao Pessoa che fu ucciso da J. Dantas, la cui moglie era l’amante di Pessoa, la bandiera dello stato del Paraiba porta il logo EU NEGO, da questo piccolo particolare si intuisce la forte personalità di questa città e dei suoi abitanti. E’ la città dei teatri, è la città in cui il teatro e l’arte sono palpabili nelle strade e tra la gente comune, la città nutre i suoi abitanti di teatro ed essi la respirano notte e giorno.

Non solo, ma Joao Pessoa è anche la capitale brasiliana maggiormente arborizzata, è circondata da un pezzo di mata atlantica originaria, in genere quando si parla di mata si intende la secondaria, cioè quella che è ricresciuta dopo l’intervento dell’uomo, l’originaria è ancora più antica di quella amazzonica, inoltre il suo litorale è di una bellezza spettacolare.

La visita notturna con Esdras fu molto entusiasmante, Joao Pessoa ci rapì.

La parte alta della città è bohemien, il ritrovo degli artisti di strada e dei poeti mezzi barboni e mezzi ubriachi come Esdras, ci sono localini e baretti negli antichi edifici dalle tinte pastello, azzurro verde e rosa, nella parte bassa nella piazza principale erano state allestite delle tende dei presidi di scioperanti, ci fermammo a scambiare due chiacchiere con loro, erano insegnanti, anch’essi parlavano come se stessero recitando, glielo facemmo notare e furono molto colpiti dalla nostra osservazione, non ne avevano coscienza. La città nutriva i suoi abitanti di teatro e teatralità.

Il teatro Santa Roza era chiuso, ma Esdras sapeva come entrare e ci ritrovammo nei camerini degli attori, dietro alle quinte e poi sbucammo sul palco in legno, si accesero tutte le luci, il teatro vuoto era tutto nostro.

La sera seguente usciti dalla pousada trovammo il nostro poeta in auto che guardava fisso fisso negli occhi una donna e gli sussurrava poesie, lui pareva trasformato in preda ad una visione mistica, pareva che quella donna fosse l’unica della sua vita, che lei fosse tutta la sua vita, noi salutammo scusate ma ci siamo anche noi, la donna si presentò come Grazia e ci spiegò che lei era la luna, sì proprio quella luna e che Esdras era il sole! Bene sarebbe stato credibile se non fosse stato che la sera precedente, facendo il giro nei locali da ballo, Esdras si era messo a flirtare con almeno altre due donne per non parlare della ragazza della reception!

Cenammo insieme al Mangai, poi tanto per far trascorrere un poco di tempo facemmo un giro in un ipermercato, lì ebbi modo di osservare i due amanti, lei era una donna colta ed elegante, era una dirigente di azienda, lui invece aveva tutta l’aria e il fascino di uno scalcinato poeta più simile a un barbone che altro, eppure lei ne era innamorata e fingeva di non sapere che avesse delle altre perché quando erano insieme lui la faceva sentire l’unica.

Andammo a bere qualcosa in un bar sul lungomare con musica dal vivo, parlammo di tutto di politica di religione di lavoro, poi facemmo un salto in un locale di forrò dove lui si avvinghiò ad una ballerina, infine andammo in un altro posto a sud sul lungomare a Capo Branco, da qui si aveva la visuale su tutta la città allungata sul mare con tutte le sue luci fino in collina e ancora la luna, anche qui i poeta approfittò della situazione romantica… era venerdì sera, era la sera di Grazia.

to be continued

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

ASD Hope Running Onlus

Insieme si vince Sempre

aspiblog

A blog by an autistic person

mattinascente

svegliarsi positivamente

poi ti spiego . . .

Scene Random di Vita Quotidiana.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Storie piccine per adulti rimasti bambini

L'importante è cercare, non importa se si trova o non si trova

INDIGO STARGATE

Il Portale Stellare Indaco

Sarà Perchè Viaggio

UN PUNTO DI VISTA UNICO PER I TUOI VIAGGI

My Mad Dreams

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna... punito perché vede l'alba prima degli altri. [Oscar Wilde]

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

Maria's Live Spaces

A piccoli passi, un poco di me

Theodore B. Fox

Le incredibili avventure di un esploratore (quasi) professionista

Lino Fusco Psicologia Psicoterapia

Ansia Depressione Ben-Essere Autostima

I Viaggi di Morgana

Live in the present without time

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Laura Berardi

La vita è un uragano di emozioni

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

Damiano e Margherita Tercon

L'autismo non ci ferma!

Violenza Psicologica

Articoli e riflessioni di una scampata a una relazione violenta.

kintzugi

l'arte di ridare forma alle cose

Uscire dalla dipendenza affettiva

Psicoterapia applicata alla cura della love addiction

THE PRINCESS AND THE AUTISM

"L'amore non conosce barriere. Salta ostacoli, oltrepassa recinzioni, attraversa pareti per arrivare alla sua destinazione, pieno di speranza." - Maya Angelou

I pensierini ritrovati nella mia cartella

Osserva il mondo con gli occhi e lo stupore di un bambino!

Sogna Viaggia Ama

di Veronica Iovino

Papaveri e Pat

«Il papavero mostra un fiore selvaggio e fragile, resistente e singolare, che nessuno ha mai piantato e la cui fiamma percorre i campi come un messaggio.» Marcel Proust

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Simon Goode

Let's make books...

irughegia

il blog di silvia sitton su abitare collettivo, sharing economy e dintorni

twiggynest

Craft ideas, inspiration and artistic projects

Amore Di Zìa blog

Nel cucito come nella vita: mai dire mai!

Mamma nel Cuore

Percorso, Sensazioni, Scelte di una mamma adottiva

Writing on a green stone

Scrittrice ispirata da sole emozioni

light blue

esprimere le foci interiori per non affogare

The Renarde Resistance

Political Activist. Mother.

Sons Of New Sins

Parole libere. In armonia con il suono del silenzio.

Trial By Fire

Poetry, Quotes, Creative Writing, Copyright ©BBYCGN

The Blower Daughter

Parto, fotografo e racconto dei miei viaggi

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.