Suonare in armonia. Todd Shimoda

waterfall-946206_1280 

Il maestro sensei Kurokawa giunse ad un piccolo affluente del fiume e ne seguì il corso per un breve tratto. Nell’alveo scorreva un semplice ruscello. Quando fu abbastanza lontano dal fiume rumoroso, riuscì a sentire il suono del ruscello che scorreva sopra ad una roccia e cadeva con un piacevole tonfo in un minuscolo laghetto formato da altre rocce. Il sensei si sedette sui talloni e ascoltò il suono del ruscello. quel suono lo calmò e lo deliziò, e il sensei sorrise.

 “Ce ne sono molte altre”, disse una voce di donna, melodiosa come quella del ruscello. Il sensei Kurokawa si voltò. La donna, più giovane di lui di diversi anni, indossava un kimono semplice, annodato morbidamente sui fianchi, come si usa per una camminata in montagna. Disse:

“Lungo tutto il corso di questo ruscello ci sono cascate musicali come queste.”

“Cascate musicali? Mi piacerebbe ascoltarle.”

“Vuole camminare con me?”

“Sì”

Camminava adagio sulle rocce, facendo attenzione a dove metteva i piedi, protetti da semplici calzature di paglia.

La giovane si fermò in un altro luogo dove il ruscello scorreva sulle rocce, tutti e due si sedettero sui talloni e ascoltarono: il rivolo si divideva in due anche se in modo diseguale: la parte più grande cadeva più pesantemente e dirita-emettendo un suono profondo-, mentre la parte più piccola gocciolava lenta. I due suoni si combinavano come quelli di strumenti musicali che suonano in armonia. La donna disse :

“Non suona sempre così bene. Certi giorni non è intonato. Oggi è un giorno speciale”

“La musica cambia da un giorno all’altro?”

La donna sorrise con dolcezza: “Oh sì. Il mondo cambia da un giorno all’altro, vero?” … Ogni giorno il sensei andava a camminare lungo il sentiero, seguendo sempre il ruscello per ascoltare la musica delle cascate. Il suono cambiava davvero ogni giorno. E ogni giorno la trovava, la donna della musica dell’acqua, presso una o l’altra delle cascate. Ascoltavano un po’ in silenzio, poi ,sempre senza una parola, si suonavano l’un l’altra come strumenti musicali viventi. E, come il mondo, era ogni giorno una cosa diversa.

Tood Shimoda da Il Calligrafo.

Che brano delicato ! E che cosa meravigliosa sentirsi come le due parti diverse e armoniche dello stesso rivolo!

(foto da pixabay)

Annunci

5 pensieri riguardo “Suonare in armonia. Todd Shimoda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...