La Cavallerizza Reale di Torino

 

Un gruppo di cittadini ha occupato questo singolare luogo nel cuore di Torno, la Cavallerizza Reale, chiedendo che questo monumento inserito nella lista Unesco delle residenze sabaude, rimanga un grande e articolato teatro, e non venga venduto o trasformato a fini commerciale.

Io l’ho visitata a metà febbraio e mi ha molto colpito per la sua vivacità creativa a due passi dalla Mole Antonelliana.

per saperne di più:

https://cavallerizzareale.wordpress.com/

 

Annunci

Solitudini incomunicabili

(un racconto)

Evelina proprio non riusciva a capacitarsi di ciò che aveva appena letto e non riusciva ad emettere una sola parola. Dire che ciò che aveva appena letto l’aveva colta di sorpresa era davvero dire niente.

Dovette rileggere e rileggere più volte quella breve lettera per capirne e assimilarne il contenuto. Solo dopo averlo fatto almeno una decina di volte capì quanto quelle parole le si fossero conficcate dentro, tanto profondamente che nessun bisturi avrebbero potuto togliere. Quelle parole la condannavano, la umiliavano e la calunniavano.

Possibile?

Possibile che un bene tanto puro potesse essere stato così frainteso e calpestato?

Sentì il sangue prosciugarsi nelle vene, provò un capogiro, le lacrime non scorrevano, ebbe un crampo allo stomaco contratto.

Cercò di credere che egli avesse scritto quelle così poco delicate parole se non in momento di rabbia, e se così fosse stato, se si trattava solo di rabbia per quanto violenta, allora tutto era perdonato, tutto sarebbe tornato a posto.

Passarono le ore i giorni poi le settimane poi i mesi e niente tornava a posto…

Evelina iniziò a pensare che non si era trattato di rabbia momentanea, ma di un atto deliberato e consapevole…

Il mondo le si rovesciò nuovamente perdendo l’abituale colore, il verde del prato era di uno strano verde irreale e la luna aveva riflessi metallici e il sole non era più il sole, trascorse ore ed ore  davanti alla finestra per vedere se il mondo fino allora noto e rassicurante potesse quello di prima, il verde verde, la luna dolce, il  sole caldo …

Tutto le sembrava finto, specie quell’erba… appariva sintetica e no, non lo era.

La realtà era inaccettabile.

Perché era crudele, perché era ingiusta.

Perché quelle parole?

Non erano vere. Semplicemente non erano vere.

Esse rivelano finalmente i sentimenti di lui nei suoi confronti, Emanuele per quanto ci avesse provato,  non l’aveva mai veramente inclusa nella sua vita, aveva finto sino a quel momento in cui la rabbia lo aveva smascherato e gli aveva fatto scrivere quelle parole a lei.

Evelina invece lo aveva incluso completamente nella sua vita, desiderando per lui ogni più bella cosa e che tutti i suoi sogni si realizzassero, per lui era la prima preghiera del mattino e l’ultima prima di addormentarsi…

Mesi prima lui l’aveva avvisata di una conferenza a cui avrebbe preso parte e lei semplicemente se ne era ricordata e alla vigilia gli aveva inviato una gentile preghiera di bene.

Lui aveva risposto violentemente, disarmandola completamente. Le diceva di non scrivergli mai più in alcun modo. Secco, preciso, asciutto, sgarbato.

Emanuele ripeteva  che le persone non lo aspettavano, che lui aveva bisogno di più tempo per far entrare le persone nella sua vita, e che poi quando era pronto le persone si stancavano e se ne andavano e lui restava da solo. Diceva che tutti lo lasciavano da parte, che lo lasciavano solo.

Non era il caso di Evelina, no, lei era una madre, sarebbe rimasta, sempre.

Ogni tanto Emanuele le scriveva oggi io ho detto addio a questa persona, ho detto addio a quest’altra…era necessario dire addio alle persone e perché diceva loro addio, perché? Se tra Emanuele e quelle persone vi era amicizia, come lui sosteneva, perché diceva loro addio? Allora forse non era vero che le persone lo abbandonavo, forse era vero che lui abbandonava le persone, una volta che gli erano venute a noia…forse era così? O era uno scherzo, uno stupido gioco?

Evelina non aveva più l’età per scherzare. Aveva 50 anni, non aveva avuto figli e sapeva che il suo tempo per averne era terminato, in questo giovane amico Evelina aveva visto il figlio che aveva sempre desiderato, pertanto Evelina non aveva il tempo per prendersi gioco di alcuno. Non c’era il tempo.

Emanuele era come un bambino, dolce e tenero, prepotente e intelligente. Di lui lei amava tutto. Emanuele era come un germoglio che avrebbe dato un fiore speciale e lei lo avrebbe guardato fiorire e sarebbe stata felice di ogni suo successo, di ogni sua gioia, e sarebbe stata triste di ogni sua delusione e di ogni sua tristezza.

Era dolce aspettarlo. Era una dolce attesa che dava felicità e sorriso.

Ma Emanuele era un fiore triste. Evelina sentiva su di lei tutto ciò che lui viveva, lo sentiva per istinto, per una specie di simbiosi che lei non aveva scelto, ma era così, se sentiva vomito o nausea o improvviso bisogno di piangere era perché lui aveva vomito nausea o lacrime. Passava troppo, passava tutto dall’uno all’altra, inconsapevolmente.

Evelina era come un vaso per le radici di Emanuele.

Emanuele era il figlio che la Vita le aveva portato inaspettatamente ed era così come era, un bambino dentro a un uomo di 30 anni. Lei ne aveva 50 e poteva davvero essere anagraficamente sua madre. Dove lo aveva tenuto tutto quel tempo, per quei 30 anni? Evelina lo aveva tenuto sempre nei suoi pensieri e ora lo aveva trovato. Non aveva concepito un figlio di carne ed ossa ma aveva concepito un figlio di pensiero. Evelina non chiedeva altro che stargli accanto, e se non aveva potuto stargli accanto prima ora non lo avrebbe mai lasciato, lo avrebbe sempre sostenuto e pensato.

Perché l’amore è intangibile, è un pensiero che non si misura e che non si tocca ma è più reale di qualsiasi altra cosa.

Quelle sensazioni fisiche di vomito e lacrime si erano acutizzate, Evelina glielo nascondeva però, finché ella non fece un incubo in cui riceveva di una mail che le notificava l’avvenuto decesso di Emanuele. Evelina si svegliò in lacrime e subito volle sincerarsi con lui che si trattasse solo di un brutto sogno. Emanuele freddamente confermò che nel caso di sua morte sarebbe avvenuto proprio in questo modo, le sarebbe arrivata una comunicazione scritta, una notifica dall’avvocato insieme ad una sua lettera.

“A te chiederò di perdonarmi.”,egli aggiunse.

Evelina si sentì morire, disse che mai lo avrebbe perdonato perché non avrebbe mai perdonata a se stessa di averlo perso, Emanuele si risentì e disse “tanto sarò morto e quindi non potrò saperlo se mi avrai perdonato”, Evelina gli rispose “ti perdonerò comunque e contro me stessa.”

Le cose precipitarono.

Emanuele era sempre più triste. Evelina non riusciva più a trovare una breccia aperta nel suo cuore, non riusciva più a trasmettere amore ed energia, ogni sua parola di bene rimbalzava contro un muro invalicabile. La comunicazione era conclusa.

Emanuele stava chiudendo anche con lei, piano piano, cercando di sfiancarla e di scoraggiarla, Evelina però trovava sempre un sorriso per lui e glielo porgeva come dono gratuito come è l’amore.

Emanuele le aveva detto di tante persone a cui aveva detto addio eppure a lei continuava a scrivere. Ma Evelina aveva paura. Paura che lui non avrebbe più scritto. Evelina cercava di non spezzare il loro precario equilibrio, con lui dosava parole ed emozioni, usando dolcezza e comprensione. Finché accadde quel che accadde, quella lettera assurda, che la rendeva impotente d’amarlo.

Evelina resta sola senza un figlio e con la negazione di questo amore soffocato. Resta da accettare la realtà per come è, resta di accettare ciò che è un mai più.

Emanuele è una persona con autismo che cerca un senso alla propria vita, prosegue solo, come sempre è stato, il suo viaggio, non ha bisogno di un’amica o di una madre in più.

Evelina ed Emanuele sono due solitudini che si sono incrociate e restano incomprese e incomunicabili l’una all’altro.

21 gennaio 2017, alle 2:24, Evelina ha scritto:

Vorrei brevemente risponderti dicendo l’essenziale, solo per non lasciare cose in sospeso o non chiare. Emanuele, io ho perdonato queste tue parole non delicate.

 Ma Tu hai perdonato me? 

Se ho insistito è stato solo perché ero preoccupata per la tua salute, non desideravo e non desidero disturbarti. Io ho fatto chiarezza dentro di me. Forse ci sono state incomprensioni tra noi. Non lo so. Non giudico. Non ci sono secondi fini né nelle mie parole né nelle mie azioni, né desidero convincere o insistere o altro. La chiarezza è importante per se stessi.
Ti ho accolto e ti ho accettato senza volerti cambiare, ti ho dato totale fiducia, mai ti ho lasciato da parte, ti ho stimato, rispettato, ti ho voluto bene come un Amico e poi onorato come un Figlio.

(l’ho fatto nell’unico modo che sapevo fare, il mio, sbagliando forse ma cercando di essere me stessa)
Io ho rispetto di questa tua scelta. Ti feci una promessa che sarei andata via quando tu me lo avessi chiesto. E non importa che tu allora mi rispondesti che ciò mai sarebbe accaduto se fossi stata sempre delicata. Mantengo la promessa. Non ti scrivo più come tua volontà. 

Il tuo autismo non è una cosa cattiva. 

Ciao, ti auguro un Bene infinito e di intuire che l’Amore  è  un Oltre infinito, che va oltre se stesso, la ragione, la logica, il tempo…

Di nuovo sono in viaggio. Ciao, Evelina

 

Domenica 9 Ottobre 2016 12:08, Emanuele ha scritto:

Io non ti sto più rispondendo perché tu mi hai disturbato troppo e hai insistito troppo. Ora questo tuo continuare può configurarsi come reato di stalking previsto dal codice penale. Ti invito a non scrivermi più e a non fare mai più alcun riferimento a me in alcun luogo elettronico altrimenti sarò costretto ad informare le autorità postali. Depositerò anche questo mio messaggio al fine di costruire la memoria storica dei fatti. Io dichiaro secondo i diritti assicuratimi dalla Legge Italiana di non desiderare più tuoi messaggi, contatti, riferimenti in qualsivoglia luogo o attraverso qualsivoglia mezzo. Questa è una comunicazione formale.

Il 07/ott/2016 18:49, Evelina ha scritto:

Spero che domani al convegno sarà per te un giorno buono.
Non mi dimentico di te.
Sai che mi manchi,

Ciao,

Evelina

 

Breve avviso

Per correttezza nei confronti dei miei gentili ospiti comunico che il mio primo nick Phlomis68 con il quali molti di voi mi hanno conosciuta, ha cessato ogni ragione di essere il 9 ottobre 2016, pertanto non ha alcuna logica mantenerlo.

Grazie. Sono sempre io, comunque.

Buongiorno e buona settimana a tutti voi cortesi lettori e gentili amici.

Un sorriso da VolpinaBlu-Antonella

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

-Conto Alla Rovescia-

•Scegli i tuoi pensieri con attenzione, sei tu il creatore della tua vita•

piapencil

L'ironia è la prima strada verso la libertà

Cipriano Gentilino

VERSI NEL RETROBOTTEGA

Illuminata

perchè tenerci tutto dentro, la comunicazione è la cosa più bella

patriziaturno

school is fun

Il tuo cielo

Li dove puoi mettere insieme persone, momenti, ricordi e sogni. Dove puoi esprimere serenamente i tuoi desideri oppure svuotarti delle tue paure. Puoi condividere le tue esperienze o aiutare chi sta in difficoltà. È il tuo cielo e decidi tu cosa vederci dentro.

L'angolo di White B.

Attraverso questo blog vogliamo parlare di NOI genitori: genitori di corsa, sempre alle prese col tempo e la gestione di lavoro e famiglia, e genitori che all’improvviso devono rallentare senza capire fino in fondo cosa sta succedendo. I loro bambini infatti sono ammalati o non ci sono più.

laspunta

Qui le chiacchiere stanno a zero... Siete capitati nel blog di un’accumulatrice compulsiva di informazioni...

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

folioandfibre.wordpress.com/

experimental mixed media, paper and textile explorations...and a place to empty my head

Woodlands and Waters

Outdoor adventures in the Tennnessee Valley and beyond

PaperMatrix

take paper in excess - add crafty fingers - and make woven wonders

fabriziocaramagna

Fabrizio Caramagna, ricercatore di meraviglie e scrittore di aforismi

SOGNOTEATRO

Il teatro è un sogno che si vive in poche ore e continua anche dopo. (Salvatore Pagano)

ALBERTO ROSSETTI

PSICOTERAPEUTA e PSICOANALISTA

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Visitare Civita di Bagnoregio

Prenotazione guida turistica, pacchetti e informazioni

Petru In Viaggio

Viaggia più che puoi. La vita non è fatta per essere vissuta in un unico luogo!

Convitto Art Lab

Creatività contemporanea negli spazi della storia

Tempo di Carta

DIAMO STILE ELEGANZA EMOZIONI PERSONALITÀ AD OGNI VOSTRA SCELTA

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

...Cilento Channel

l'informazione del cilento sul web e in tv canale 636 del digitale terrestre

Dove nascono le idee...

il blog di La Rana Viola

Final Year Research

Research for my final year projects

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

Biblioteca il Gatto

via battaglini cagiallo

ArteMaestra

L'arte fa diventare grandi - Blog dei Dipartimenti Educativi del Museo Bernareggi

beyond the fold

stories and strategies behind amazing print

Gil-Galad

Poesie, pensieri e altre cose che non iniziano per la p

lementelettriche

Just another WordPress.com site

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Mai sulla terra

- solo per sognatori seriali -

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Cronaca, ambiente, cultura, interviste, reportage e politica

Savy Baby Activities

Educational Activities for Young Children

natural origami

exploring math and nature through paper folding

tumultodisogni

“...e che i sogni siano sintomi, siano armi nucleari.”

smallestforest.wordpress.com/

Express yourself. It is later than you think.

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

A Binding Passion

Logos endiathetos - the word remaining within

Una caffettiera sul fuoco

"A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco" (Erri De Luca)

Chic After Fifty

Il fashion blog di Anna da Re

Zaino e Via

"Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi"

The Milos-Ivanski Studio

Featuring the work of Lori Milos-Ivanski

Artigianeide

Nuove forme e interpretazioni artigianali per reinventare ciò che viene fatto da sempre