5-Arrivo alla stazione di Seui (trenino verde)

Purtroppo il mio viaggio sul trenino verde, linea Arbatax- Mandas, si è concluso a Seui, da cui ho fatto il viaggio di ritorno fino ad Arbatax. Sarebbe interessante avere più tempo e suddividere il viaggio a tappe per gustare i sapori e i profumi di questa Sardegna meno conosciuta.

I paesaggi sono mozzafiato con passaggi su spettacolari ponti.

La stazione di Seui è tra le più importanti della linea, il tratto per raggiungerla deve essere risultato come il più impegnativo per i costruttori della ferrovia. La quota è intorno agli 800 metri e si attraversano lunghe gallerie su arditi ponti, tra questi il ponte di San Gerolamo con una travata metallica lunga 50 metri sospeso ad una altezza di 40 metri mentre la natura circostante diventa aspra e selvaggia.

per info:

http://www.treninoverde.com/

Annunci

4-Tratto Villagrande-Ussassai Niala (trenino verde)

La linea ferroviaria Arbatax- Mandas passa molto vicina agli splendidi paesaggi naturali del lago alto del fiume Flumendosa. Un viaggio nella natura, fuori dal tempo.

Ussasai Niala è una tappa obbligatoria per gli appassionati di trekking nel cuore del Gennargentu.

http://www.treninoverde.com/

3-Stazione di Lanusei (trenino verde)

Lanusei è una vivace e accogliente cittadina al centro dell’Ogliastra. E’ famosa per le ciliegie e la sagra delle ciliegie è una festa di sapori e di colori. Lanusei vi stupirà per l’ospitalità.

Molto caratteristici i locali interni della stazione che fanno di questa linea un vero e proprio viaggio nel passato dell’isola, tra paesaggi che diventano, man mano che il treno si inerpica tra le montagne, sempre più verdi e selvaggi.

http://www.treninoverde.com/

 

 

 

1-Stazione di Arbatax (trenino verde)

La linea del trenino verde Arbatax- Mandas è la linea turistica più lunga d’Italia, 159 km tra Arbatax con la stazione che si affaccia al mare, sulla cala dei Genovesi, di fronte alle famose rocce rosse, fino a Mandas, attraversando zone boschive nel massiccio del Gennargentu.

Io non ho viaggiato sull’intera linea ma ne ho percorso un tratto molto suggestivo e verde fino alla stazione di Seui.

Queste sono le foto della stazione di Arbatax.

(foto del 30 giugno 2005)

per info:

http://www.treninoverde.com/

Monte Mauro

Un luogo incantato tra Riolo Terme e Brisighella, nel parco della vena del gesso romagnola. Camminando sui cristalli di gesso…

Mercato del pesce

Porto Garibaldi (FE) arrivo dei pescatori e mercato del pesce

Infiorescenza di agave attenuata

Sul lungomare di Sampieri (Scicli, RG) la rara e particolare infiorescenza di agave attenuata, pianta originaria del Messico e presente a Tenerife.

Sullo sfondo vista sulla fornace Penna, uno dei set della serie televisiva di Montalbano.

La cava del Carosello

Il canyon del Carosello è situato ad ovest di Noto antica. Il corso d’acqua che scorre incassato nella cava è alimentato da sorgenti perenni ed ha alimentato per secoli sia numerosi mulini che concerie rupestri attive sin dal 1400 e dedite alla concia del pellame e dell’albascio, una sorta di lana pesante. La concia è stata un ‘attività industriale fiorente per Noto con grossi volumi d’affari nel 1500  e sicuramente con forte impatto ambientale per l’ambiente per i tannini riversati nel fiume. Oggi mulini e concerie sono in stato di abbandono e la zona è meta di escursioni fantastiche.

Un luogo stupendo di grande suggestione che unisce storia e natura, lavoro dell’uomo e creazione del divino.

 

Il presepe nel sidecar

Un presepe in un sidecar all’ingresso di Longiano (FC) nelle colline romagnole ben esprime il carattere gioviale del paese che nel periodo di Natale ospita ben cento presepi sparsi nelle vie e nelle sue numerose chiese e musei.

 

Una bicicletta

una simpatica bicicletta fa da vetrina a un locale di Cesenatico (FC):

il vino aggiunge un sorriso all’amicizia e una scintilla all’amore!

bici a cesenatico

La casa museo di Marino Moretti a Cesenatico

L’altro me stesso guarda il suo giardino,
guarda le cose intorno,
sorride a queste cose, al verde, al giorno,
a tutto come quando era bambino.
E qui sente che il tempo s’è fermato,
che s’è come staccato
da tutto il resto e la morte è lontana,
e che ogni attesa è vana,
se non esiste più ora e stagione,
ma soltanto quel basso e quel giardino.
Perch’io son quel bambino
con la sua sfida nella mia prigione.

Marino Moretti

La casa museo si trova a Cesenatico in via Moretti 1 sul porto canale,  conserva ricordi, documenti, dipinti, manoscritti e lettere legati alla vita di questo poeta del novecento. Oggi ospita un Centro di studi e di ricerca sulla letteratura, promuovendo diverse attività culturali. Ebbi modo di visitarla qualche anno fa,  rimasi colpita dal fascino crepuscolare dell’atmosfera che vi si respira, vi era allora ancora la tartaruga centenaria dell’autore. Molto bello anche affacciarsi dalle stanze del poeta direttamente sul porto canale di Cesenatico.

1-La salina Camillone di Cervia

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAKONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAKONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAKONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAKONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAKONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Immagini da una vista alla Salina Camillone di Cervia con alcuni momenti della produzione e del sale.

Il sale di Cervia è un sale integrale marino. E’ marino, perché la sua origine è l’acqua del mare, che viene fatta entrare in salina dal canale immissario, dove viene fatta evaporare e concentrare fino ad arrivare alla produzione del sale vero e proprio. E’ integrale perché una volta raccolto viene esclusivamente lavato con acqua madre e poi lasciato essiccare in aia in  cumuli di sale che sembrano quasi di neve.

http://www.salinadicervia.it/

 

Scale dedicate ad Alfonso Gatto

La decorazione delle scale conosciute come “dei Mutilati” vuole celebrare e ricordare la figura di Alfonso Gatto, eclettico poeta, scrittore, pittore e critico d’arte salernitano.

L’idea è stata portata avanti dalla Fondazione Alfonso Gatto in collaborazione con il Comune di Salerno ed eseguita dalla visual artist romana Alice Pasquini nell’ottobre 2014.

Il murales segue le rampe con scene specifiche in cui a dominare sono i ritratti di giovani figure femminili e bambini, seguiti dall’alto dalla figura pensosa di Alfonso Gatto nell’atto di accendersi una sigaretta.

La realizzazione artistica ha interessato non solo le pareti ma anche la scalinata che porta a Piazza principe Amedeo: sulle alzate delle rampe sono riportati i versi di “Girotondo”, “Un consiglio”, “Chissà” e “Ogni uomo è stato un bambino”, opere del Poeta trascritte dall’artista salernitano Greenpino.

tratto da http://arcansalerno.com/visitsalerno/Arte/Monumenti_e_Fontane/Scale_Alfonso_Gatto.html

L’estuario del Cassibile

​Estuario del fiume Cassibile tra Avola e Cassibile, a sinistra della bella spiaggia della Pineta del Gelsomineto.

Nei pressi di Cassibile​ fu siglato segretamente  il 3 settembre del  1943 un armistizio, atto con il quale il Regno d’Italia cessava le ostilità contro gli Alleati e che di fatto segnava l’inizio della resistenza italiana.

Il fiume Cassibile nasce in località Serra Porcari  a pochi km da  Palazzolo Acreide (SR)Palazzolo Acreide. Il suo percorso di 30 km si snoda tra i comuni di Palazzolo Acreide e Avola,  sfocia fra Capo Negro e Punta del Cane , a 23 km a sud di Siracusa , tramite un estuario. In realtà l’estuario del fiume non è da considerare un vero e proprio estuario, ma un’immissione di acqua di mare, in quanto il fiume si ingrotta per sfociare parecchi chilometri in alto mare.

Lo scorrere del fiume Cassibile, nel corso dei millenni ha creato una serie di profondi e interessanti canyon, formando numerosi con acque fresche e limpide, fra cui spiccano per bellezza i piccoli laghi nei pressi di Avola Antica. La zona è stata denominata riserva di Cava grande del Cassibile visitabile tramite trazzere e scale in pietra.

Inoltre è possibile osservare antichi insediamenti rupestri e necropoli scavate nella roccia in un luogo di incomparabile bellezza.

 

 

I Gorgoni

 

Nell’appennino tosco romagnolo, sulla statale 67, nel tratto tra Forlì e Firenze, si raggiunge con una breve passeggiata questo luogo ameno del fiume Montone, che qui forma due piscine naturali molto fresche e piacevoli nel periodo estivo.

Nei dintorni da non perdere al caratteristico e ospitale borgo di Portico di Romagna (FC), dove, secondo una leggenda, Dante incontrò Beatrice a palazzo Portinari che era la residenza estiva di Folco Portinari, il padre di Beatrice.

Leggenda o no, questi luoghi sono davvero incantevoli.

 

I vulcani di fango

I vulcani di fango italiano affiorano lungo il margine esterno della catena appenninica nel lato padano adriatico. Il campo delle salse di Nirano è uno dei più importanti in Italia e tra i maggiori in Europa.

Le salse sono fluide bolle di gas metano che fuoriescono dai coni attivi.

Il paesaggio è molto suggestivo e la visita dura circa 1 ora, ma ci sono numerosi sentieri nei dintorni.

Le salse di Nirano si trovano nel comune di Fiorano Modenese (MO)

Cartoline da Castrocaro Terme (FC)

 

 

Farfalle nel cielo di Gradara

gradara-1-mediumgradara-4-mediumgradara-3-medium

 

Leggere farfalle nella notte sognante e incantata di Gradara (PU) al castello di Paolo e Francesca

«Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende.
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.
Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi a vita ci spense»

(Inferno V, 100-107)

 

Cartoline da Padula

il sacrario dei trecento di Carlo Pisacane

monumento a Joe Petrosino, il più famoso poliziotto italiano naturalizzato statunitense

vista della certosa di Padula dall’alto, si può riconoscere la forma di una griglia, la certosa è infatti dedicata a San Lorenzo

Una scala verso il cielo

Nel cuore delle dolomiti lucane si trova Castelmezzano (Potenza), uno dei borghi più belli d’Italia, un paesino di grande fascino e ospitalità, noto per il famoso volo dell’angelo e per la sua antica storia e la possibilità di compiere fantastiche escursioni.

Castelmezzano nasce nel X secolo, quando i cittadini di Mandoro fuggirono e trovarono riparo tra le vette delle montagne dagli arabi che stavano invadendo la zona.

Questa incredibile scala verso il cielo è di origine normanna e nasconde alla base una cisterna per la raccolta delle acque.

La salita o scalata, seguita da una guida esperta, dura una decina di minuti, e da lassù in alto si gode un panorama mozzafiato sulla cittadina e sulle montagne.

Da non perdere!

Volpina blu e Grande Luce

La mia esperienza sul Ponte Tibetano

Saranno i 50 anni che si avvicinano… sarà che ho voglia di fare cose pazze o cose che non ho mai fatto prima… sarà che ho pensato e chi se ne importa… la vita è una sola… e così ho deciso di attraversare un ponte tibetano… e sono andata a Sasso Castalda, in provincia di Potenza, in Basilicata, dove è stato da poco costruito il ponte alla luna, dedicato a Rocco Petrone, l’ingegnere della Nasa che contribuì alla missione Apollo 11 , e i cui genitori erano originari di questo paesino. Sasso Castalda ti accoglie con calore e cordialità, tutti ti salutano, a partire dalle vecchine tutte vestite di nero che incutono timore rispetto eppure sono loro stesse a darti per prime il saluto.

Come è stata questa esperienza?

Stupenda! … anche se dopo pochi passi  sul primo ponte ( i ponti sono due, il primo più breve e meno alto,  è , diciamo, di prova) ero già morta di paura e mi stavo maledicendo per la mia sconsiderata idea e vi giuro che avrei voluto tornare indietro… temevo di morire nonostante fossi imbragata con un doppio cavo di sicurezza…

poi… piano piano ho iniziato a riprendere fiato, a respirare, a guardarmi intorno non direi… che vertigini… tra un passo e l’altro vi era il vuoto… e piano piano ho iniziato a concentrarmi su ciò che stavo facendo e cosa stavo facendo?

primo ponte in primo piano e secondo sospeso più in alto

Io stavo camminando …

e come si cammina?

e come si arriva alla fine del ponte?

….

???

semplice….

passo dopo passo!

dettagli tecnici del primo ponte di “prova”:

  • Altitudine partenza 940 mslm
  • Altitudine arrivo 934 mslm
  • Lunghezza campata 93 metri
  • Altezza massima da terra 70 metri
  • Diametro funi portanti 30 mm
  • Gradini d’appoggio n°180
  • Morsetti totali impiegati n°720
  • Tempo di percorrenza stimato 8 minuti

ponte tibetano (1) (Small) (2)
primo ponte in primo piano e secondo sospeso più in alto
ponte tibetano (15) (Small) (2)
l’imbragatura di sicurezza
ponte tibetano (16) (Small) (2)
il primo ponte di “prova”
ponte tibetano (28) (Small) (2)
primi passi …
ponte tibetano (32) (Small) (2)
paura e follia … che cosa sto facendo…?
ponte tibetano (39) (Small) (2)
ce l’ho fatta! e ora al secondo ponte!
ponte tibetano (71) (Small) (2)
il secondo ponte: una bella passeggiata di 300 mt sospesi a 120 mt da terra

ponte tibetano (91) (Small) (2)
ma siamo sicuri?

caratteristiche tecniche “ponte alla luna”

  • Altitudine partenza 973 mslm
  • Altitudine arrivo 975 mslm
  • Lunghezza campata 300 metri
  • Altezza massima da terra 120 metri
  • Diametro funi portanti 30 mm
  • Gradini d’appoggio n°600
  • Morsetti totali impiegati n°2500
  • Tempo di percorrenza stimato 30 minuti
  • ponte tibetano (109) (Small) (2)
    panorama mozzafiato!
    ponte tibetano (121) (Small) (2)
    passo dopo passo… posso arrivare dovunque!

     

    ponte tibetano (135) (Small) (2)
    sono arrivata al punto finale! e ho vinto la mia paura del vuoto

    ponte tibetano (142) (Small) (2)
    la terrazza di vetro al termine del ponte alla luna

Passeggiata a Rio Cozzi

Passeggiata alla falesia di  Rio Cozzi, Castrocaro Terme.

Rio Cozzi è un affluente del fiume Montone  nel quale si getta nei pressi del paese.

Il laghetto con il salice

E’ questo, forse, uno degli angoli più belli al parco del Sigurtà, il laghetto dei colori, con il salice piangente e le ninfee, un posto che regala una sensazione zen di pace e tranquillità.

Passeggiata e salita al Sasso Simone

Un parco che mi ha molto emozionato è stato il parco del sasso Simone e del Simoncello, si trova nella provincia di Arezzo ma in realtà l’area della riserva è situata tra Toscana, Marche e Romagna.
Il Sasso Simone (mt 1200) e quello del Simoncello sono “giganti con i piedi d’argilla”, si tratta di due massicci calcarei appoggiati su uno strato di argilla. Un’enorme frana di crollo interessa tutto il versante Sud del Sasso Simone ed ai suoi piedi si estende un enorme fiume di roccia che scende fra i calanchi per più di un chilometro. Attraversando la frana si possono vedere numerose conchiglie fossili.

Tra i tanti sentieri abbiamo seguito quello che da Case Barboni (Sestino, AR) sale fino al Sasso attraversando vallicole e zone calanchive dal fascino lunare. La vista sui massicci del Simoncello e di Simone è mozzafiato, molto interessante ed emblematica pure la storia di questo luogo. Sembra debba l’origine del suo nome ad un eremita venuto dall’oriente, detto appunto “Simone”, che stabilì qui la sua isolata dimora spirituale.

Sasso Simone fu poi scelto da Cosimo I nel 1565  per edificare la sua Città del Sole, toponimo analogo a quello di Terra del Sole, l’altra città-fortezza medicea costruita in terra romagnola. Infatti Sasso Simone rappresentava un nodo strategico del Granducato di Toscana in contrapposizione al castello di San Leo nel Montefeltro. Progettata dagli architetti Giovanni Camerini e Simone Genga, fu utilizzata nella sua doppia funzione sia di città militare che civile per quasi un secolo, poi, per avverse condizioni naturali e le mutate condizioni politiche la città venne abbandonata, rimane soltanto una strada lastricata e pochi ruderi. E per molto tempo il luogo, difficilmente raggiungibile, fu quasi dimenticato.

Oggi nel parco vi sono numerosi sentieri e sono promosse varie iniziative nel periodo estivo.

http://www.parcosimone.it/

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

The Renarde Resistance

Political Activist. Mother.

Sons Of New Sins

Parole libere. In armonia con il suono del silenzio.

Survival Through Faith

Creative Writing, Poetry, Short Stories, Quotes

The blower daughter

Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l'immagine di un'idea. T. Terzani

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

Relax In The Word

Narcissism Simplified

Downtobaker

Non ci resta che leggere.

Una bionda con la valigia

A tutte le donne che viaggiano da sole. Perchè alle volte si può chiudere tutto il proprio mondo in un trolley e portarlo con sè.

J.R.R. TOLKIEN

Esplorando il mondo di Tolkien

Audiofiabe per bambini

Fiabe tradizionali e inedite lette da Walter Donegà

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Turisti per Sbaglio

...viaggiamo l'Europa di casa in casa

narcsite.wordpress.com/

Know everything about narcissists from the world's no.1 source. A narcissist himself.

Cicaleccio confuso

Le mille storie ordinarie d'un (quasi) uomo altrettanto ordinario. Insomma, una gran noia.

L'ANGELO DIETRO IL SIPARIO (CONOSCERE IL NARCISISTA)

Sapere tutto sui narcisisti dalla fonte numero uno al mondo. Un narcisista stesso

Vivere la Magia

Esperienze di una Strega sul Sentiero di Madre Terra

❀ Shelinz - Scrivo solo se vivo ❀

BLOG DI CRESCITA PERSONALE

pantalica

la capitale dei siculi

Laura Parise

Come le onde del mare... un moto perpetuo... perché la vita è un libro pieno di pagine bianche...

DEBORA MACCHI

una Fotografa in Viaggio

Vale in-divenire...

Just another WordPress.com site

La Terra di Mezzo

La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori. Alda Merini

CONTATTOZERO - NARCISISMO PATOLOGICO E PSICOPATIA

NARCISISMO PATOLOGICO E PSICOPATIA NO CONTACT

narcisismo patologico

Un benvenuto speciale alle/ai Sopravvissut@ al narcisismo. una volta scoperto che NON SIAMO PAZZ@ e soprattutto NON SIAMO SOL@, possiamo cominciare a rivivere un'altra volta. la miglior vendetta è una vita vissuta bene e pienamente.

Limù

- So many things to say -

Fame di parole

Storie, articoli e pensieri

La Poesia del Cuore

Questa è la poesia del mio cuore. Il mio essere, il mio amore. Dedicata alla persona che amo.

Piccoli ventagli

Poesia d'ispirazione orientale

The Art of Books

books and other mixed media works of art from the eclectic mind of jamila rufaro

La Vita, così come me la racconto

Quando sono quello che sono appare Dio dentro di me. (A. Jodorowsky)

Letters from Santa Blog

Make Christmas Magical with Letters from Santa!

prima dei tasti sul cuore

Il territorio dell'agire poetico

La porta della condivisione

La vita...è...un'avventura.........

SENZ'AZIONI

Qui sensibilizzo la mia immaginazione.

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

-Conto Alla Rovescia-

•Scegli i tuoi pensieri con attenzione, sei tu il creatore della tua vita•

piapencil

L'ironia è la prima strada verso la libertà

Cipriano Gentilino

VERSI NEL RETROBOTTEGA

Illuminata

perchè tenerci tutto dentro, la comunicazione è la cosa più bella

patriziaturno

school is fun