La vetrina

Ho raccolto un’infinità di inutili oggetti

Nella vetrina della mia vuota vita.

Ora che metà del mio tempo è finito

Trascorro i giorni tra la polvere di ciò che non fu o non ebbi il coraggio di vivere.

Niente dell’ amore che ho sognato

Sta in questa vuota vetrina,

Oggetti inutili,

Testimoni polverosi

Della mia rovina.

Annunci

Fiori effimeri

Al nostro primo incontro avrei voluto comprarti rose bianche, non erano abbastanza delicate per te, quindi le lasciai sul banco.

Acquistai un mazzo appariscente di fiori gialli di primavera, troppo intensi, troppo brillanti, fastidiosamente profumati, li gettai nella pozzanghera.

Rose rosse, le scartai, temetti di ferirti per le troppe spine.

Stavo scegliendo con cura viole del pensiero e poi fiori blu del silenzio, quando vidi un fiore unico, lo avvolsi in una carta semplice e te lo portai.

Lo prendesti brusco e incurante: nudo, senza petali, cadde nella polvere

Se fossi un angelo

Se fossi un angelo

starei sempre accanto a te

per vegliare su di te

e prendermi cura di te

e ti amerei con un soffio d’infinito,

il tuo essere mortale mi sarebbe più caro di qualsiasi eternità,

ti accarezzerei lieve come petalo di rosa,

ti amerei senza farti sentire peso di me,

potrei abbracciarti in un sospiro di vento

e baciarti con un tocco d’ala,

saresti per me un essere unico e speciale…

ma non sono un angelo

e non posso che amarti

con la polvere terrena di cui sono fatta

e con i i miei effimeri fiori

Oggi la vita…

Oggi la vita mi ha licenziato,

mi ha detto che non ha bisogno di me,

Oggi la vita mi ha licenziato perché mi ha fatto vedere la realtà,

Oggi la vita mi ha tolto ogni illusione perché amore non c’e’,

Oggi la vita mi ha licenziato…

Resta il grillo

che canta nel prato,

il tatto dell’erba tra le mie dita

e il sapore di un sole che non riscalda…

Questa poesia è dedicata alla fine del mio contratto di lavoro con Extracolor, dopo quasi 30 anni, di Extracolor ricorderò solo l’odore degli acidi della sviluppatrice, il mio senso di vomito, le mie lacrime mai viste e inghiottite di ogni giorno, la sporcizia delle pareti sporche, il caos, il disordine, la non pulizia, la mancanza di chiarezza, l’incertezza degli ultimi anni, il farmi sentire una nullità, la malizia e la volgarità delle persone, salvo solo l’amore che avevo per il lavoro, il mio credere di svolgerlo al meglio, pensando alla felicità del cliente. Tutto finito.

Annunciazione

Lo straniero non disse nulla per tutto il tempo,

ma aveva occhi di cielo,

mani di piume e pelle di miele,

rimasi curiosa di udire la sua voce,

se davvero

fosse stata quella di un angelo,

dovette ripartire subito,

mi lasciò,

inondata di luce

Quindici di agosto

(Dedicata ad un vecchio
amore finlandese) 
Dirsi addio il quindici di agosto eben piu triste del venticinque dicembre, senza neppure quelle quattro capriole di fumo nel caminetto; il canto assordante delle cicale assedia il mio cuore che annega nel blu tra i colorati e chiassosi festeggiamenti; 

brucia piano il mio insensato amore nella notte accecata da un fuoco pirotecnico che disegna un rosso cuore

Una lacrima

Ho rinunciato ad essere madre,

che madre non è quella che pensa,

madre è quella che fa,

ho rinunciato a portarti in grembo,

ho rinunciato a guardarti dormire,

ho rinunciato a rimproverarti pur amandoti di più,

ho rinunciato a pensarti

perché madre è quella che fa,

non quella che pensa,

e di tutto questo pensiero

resta una lacrima

che non fa di me una madre

 

 Cattivo potatore

cattivo-potatore

 

Hai potato il tuo albero a colpi di lama e di scure:

hai sfrondato l’ampia chioma, riparo della tua estate;

hai svettato l’elegante cima,

che resisteva fiera al freddo vento d’inverno;

hai reciso i giovani rami, di cui esso si adornava in primavera;

hai buttato i generosi frutti che ti donava in autunno;

hai rovesciato in aria le poderose radici che scavarono la roccia;

infine del tronco nudo,

tu , cattivo potatore,

hai fatto pezzi di legna,

in cui ogni goccia di resina è un coagulo di pianto,

secca e asciutta, sarà legna da bruciare

e calore ti darà,

arderà l’anima dell’albero,

sicuro di esserti ancora utile.

Tu, cattivo potatore,

non vedrai più api sui profumati fiori,

né sentirai cinguettio di uccellini tra i rami,

né sorprenderai cicale cantare nella corteccia,

né vedrai topolini cibarsi delle bacche,

né sentirai il vento tremare tra la chioma,

né avrai gioia dei teneri nidi tra le foglie,

né sentirai le radici fremere d’amore nella terra,

né avvertirai lo scorrere vibrante della linfa;

tu, cattivo potatore,

spargerai l’ultima sua spenta cenere sul roseto

e una nuova rosa ti pungerà

nell’assenza amputata del tuo albero.

Amor di carta

narrative-794978_640

Amor di carta

tagliente come un foglio,

sottile come un sogno,

carta straccia,

voli via nel vento,

amor che non esisti,

eppur mi ferisci…

(foto di Comfreak)

Il fuoco dell’addio

fuoco-delladdio

Quando si sigilla il coperchio a fuoco

è quello il momento dell’addio

allora si esce nel corridoio o all’esterno

in attesa dell’ultimo viaggio del feretro,

si piange ancora, si consola ancora,

io rimango dentro a guardare il fuoco

che sigilla per sempre l’ addio

Un figlio mancava…

Il freddo restava fuori,

la sera rientrando a casa,

mi spogliavo di tutto,

avevo due gatti e un amore

a scaldarmi,

e una finestra grande,

come un quadro,

da cui guardare attraverso

tutta la vita che restava fuori

nel giardino delle stagioni immobili:

foglie cadute,

neve sui rami,

primule ed erba secca,

l’altalena era vuota,

un figlio mancava…

Lupo e agnello

dog-1875252_640

Ho un lupo e un agnello nel cuore

l’uno cerca carezze e delicatezza

l’altro ringhia e rabbioso

mi strappa a morsi il cuore,

l’uno lo blandisce per anestetizzarlo

prima che l’altro lo divori

 

(foto di MilanoNegro da pixabay)

Di tanta delicatezza

Ogni volta che metto la mia vita nelle tue mani,
Mille spine uncinano il mio cuore tra il profumo soave delle rose,
Di tanta delicatezza,
Potresti stringerla fino ad annientarla,
Di tanta delicatezza,
Potresti accarezzarla fino a spezzarla,
Ogni volta che metto la mia vita nelle tue mani

Le Perseidi

Fuochi d’artificio a mare

simulano le scie delle Perseidi,

oscurano la magia della notte che piange,

dove sei mio primo amore…

dove sono le notti in cui guardavamo insieme il cielo

ti chiedevo hai espresso un desiderio, no non me lo dire…

e ora non ci sei più

e io esprimo il desiderio che tu sia felice,

da qualche parte della notte,

e le Perseidi non sono stelle cadenti,

ora preferisco guardare i fuochi al mare,

perfettamente sincronizzati con la fine di questo amore…

Il nulla

Ho sempre rispettato gli appuntamenti.

Recavo fiori colorati e sorrisi,

un cestino di cilegie e di sogni, e nuvole e arcobaleni nel cuore…

Ho sempre rispettato gli appuntamenti

anche quando erano con il nulla…

Nuovo Lucifero

Nuovo Lucifero

brami il mondo,

bruci i ponti dopo aver attirato le anime gentili,

seppellisci i porti dell’amore sincero,

recidi la linfa delle rose,

studi la lacrima sotto alla lente

per svelare il mistero del saper piangere,

prosciughi i pozzi della speranza

in nome della tua selvaggia libertà,

sei la brama del mondo,

pulisci la tua lama con il mio sangue,

cambi il tuo nome,

cambi il tuo viso,

cambi il tuo travestimento

ti credetti un angelo

in ascolto dei mortali,

sei un nuovo lucifero,

ti prendi gioco

dei poeti ingenui e innamorati

Fragili petali

tre blu 1New

Ci sono tre fiori blu nel mio bicchiere…

appassiranno presto,

cadono lievi i petali,

farfalle a cui sono state strappate le ali,

polvere blu tra le mie dita,

dolore impalpabile nel cuore,

getterò i gambi fradici nel bidone,

getterò via i fiori spogli, 
getterò questo amore

lontano da me,

tra le stelle e le lacrime…

Ci sono tre fiori blu nel bicchiere,

tenerezza, amore e speranza,

se non ci sei tu

appassiranno presto,

strappate ali di farfalla,

fragili petali…

Azzurra attesa

Azzurra attesa
nei lunghi silenzi dei pomeriggi estivi
e nelle cupe solitudini invernali.

Azzurra attesa
che qualcuno porti un po’ d’acqua a quei fiori.

Azzurra attesa
che qualcuno si affacci sorridente da quella finestra.

Azzurra attesa di un pianto o di un riso di bimbo.

Azzurra attesa
che venga la vita
a sedersi su questa sedia
a discorrere insieme me.

Azzurra attesa di un angelo di Dio.

(poesia ispirata da questa casa a Fondo, in Val di Non)

attesa

 

Era Amore

Ti aspettavo nel giardino nelle notti di stelle d’agosto,

ti aspettavo di primavera sotto al glicine rosa,

e nelle piogge autunnali che lavano il cuore,

e nel freddo sole dell’inverno,

il nostro tacito appuntamento era libero,

e non accadeva in alcun luogo,

era un tornare a casa,

in una casa vuota e dentro qualcuno che ti aspetta,

era un aprire il cuore e dentro qualcuno che ti ascolta,

era il vetro di un’astronave nello spazio al quale qualcuno bussa,

era deserto in cui fioriscono fiori inimmaginabili,

era…

era Amore.

Il nome suo

Vorrei disegnarti un viso che non sia il suo,

vorrei darti braccia e mani che non siano le sue,

e una voce che non sia la sua,

e occhi e labbra e cuore che non siano suoi,

ma,

sconosciuto amore,

io non vorrei altro che il tuo nome fosse

il suo.

 

Il mio sogno senza di te

Il mio sogno si vestì di te,

gli diedi la tua voce e la tua tenerezza,

gli diedi i tuoi occhi e le tue stelle,

gli diedi le tue mani e le tue speranze,

gli diedi le tue labbra e il tuo sorriso…

Il mio sogno è spoglio di illusione, oramai.

Tu sei andato via.

Ora sogno il mio sogno

e mi addormento felice,

il mio  sogno è comodo,

si lascia sognare come desidero,

e ogni notte lo ritrovo,

privo di te,

dentro di me.

Fingendo con me stessa

Dicesti tornerò.

Io finsi di crederti,

le tue parole erano di chi avrebbe voluto essere un altro

ma sa che non potrà mai esserlo,

finsi di credere a quel ragazzo buono

che volevi essere,

finsi di credere ai tuoi occhi dolci

e alle tue parole delicate,

finsi così tanto

che alla fine io ti credetti per davvero,

e restai,

da sola,

ad aspettarti

fingendo con me stessa

 

Ponte di solitudine

nature-258074_640

Il patto era di costruire insieme un ponte,

sponda a sponda,

dal tuo al mio cuore,

non importava chi avrebbe messo di più e chi meno,

non c’era una bilancia e non c’era un tempo per farlo,

c’era il bene e

c’erano due cuori

che progettavano pilastri e campate

fino ad incontrarsi.

Il patto era costruire un ponte.

Io arrivai a pochi metri dalla tua riva

ma all’ultimo il ponte crollò,

ero sola,

lo ero sempre stata.

(foto di Antranias)

Primo amore

tree-2067108_640

(…)

il mese di maggio,

i grilli,

una bicicletta per due,

la campagna,

la notte,

l’amore sotto alle stelle,

il profumo dei fili d’erba,

e l’odore di te,

io e il mio primo amore

(…)

 

foto di Blupolam

Non si sceglie

L’amore non si sceglie, arriva da lontano e ti stravolge quando sei pronto per farti portare via, e poi non sei più lo stesso, magari hai solo sognato, ti sei illuso, o hai solo pregato e niente è più come prima, hai amato, non importa sei hai sofferto, hai amato e ti sei sentito vivo!

Il muro coerente del tuo silenzio

little-2176130_640

Se chiudo gli occhi mi si oppone

un muro bianco di silenzio,

severo e imponente,

il muro coerente del tuo silenzio,

d’un bianco dolore,

insormontabile,

liscio senza spigoli,

fortezza nel deserto,

compatto, uniforme, serrato,

è il muro coerente del tuo silenzio

(foto di Skitterphoto)

Amore inesistente

thorn-2200127_640

Io ho un amore perfetto,

esso è invisibile e assente.

Ho un amore che mai potrà dirmi mai più

o mandarmi via o proibirmi parole di tenerezza,

ho un amore perfetto perché non esiste

e non sei tu.

E’ un amore immaginario,

un amore inesistente.

§§§

A nonexistent love
I have a perfect love,
it is invisible and absent.
I have a love that cannot  say me nevermore
or getting me away or forbidding me  tenderness words,
I have a perfect love because there’s
not you.
It is an imaginary love,
a non-existent love.

(foto di Santiagonader)

Sterilità

rain-61912_640

Ho riempito la mia vita di inutile vuoto,

viaggi senza senso,

collezioni d’impolverati oggetti,

inefficaci fiori,

sterili desideri,

inesistenti amori,

per non affrontare l’insostenibile Tutto.

(foto di Hans)

§§§

Infertility

I filled my life with useless empty,
senseless journeys,
collections of dusty objects,
ineffective flowers,
barren desires,
nonexistent loves,
for not addressing the unsustainable Everything.

Lacerante tramonto

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Rosso amore perduto,

infinito amore, ti dico addio,

l’amore muore al tramonto,

l’amore affoga in un tramonto,

l’amore soffoca in un orgasmo,

mi portasti a fare l’amore in un campo,

era l’ora calda e poi fredda del tramonto,

vidi il sole accendersi e spegnersi dentro ai tuoi occhi,

e io seppi di non amarti più…

un addio nel sole che tramonta,

nei colori che trafiggono il mio cuore,

che sa che più non ama,

un addio,

lacerante tramonto

Trita-rifiuti

 

Ho messo nel trita- rifiuti

i tuoi capelli color paglierino,

il tuo sorriso storto,

i tuoi occhi spaventati,

i tuoi denti da vampiro,

infine vi ho buttato dentro anche il mio cuore,

non mi serve più,

ho tritato tutto e ne è uscita una poltiglia informe

che ho esposto al sole e alle mosche

che vi depositeranno uova infette,

le larve dell’oblio compieranno il lavoro sporco,

obliteratrici della carne,

divoreranno ogni ricordo,

senza lasciarne alcuna traccia.

Di tutti – Of all

Di tutti

 

Di tutti i miei ricordi, tu sei il più doloroso;

di tutte le mie delusioni, la più cocente;

di tutte le mie speranze la più serena;

di tutti i miei sogni il più sincero;

di tutte le mie attese, la più forte;

di tutte le mie illusioni la più vera;

di tutti i miei amori,

figlio perduto,

tu sei l’ultimo.

Metto a tacere il mio cuore,

mi nascondo nel mio fiore,

passeggio nel mio giardino vuoto,

annullandomi nel sole

che mi scalda con la tua assenza.

§§§

 Of all

Of all my memories, you are the most painful;
of all my disappointments, the most scorching;
of all my hopes, the most serene;
of all my dreams, the most sincere;
of all my expectations, the strongest;
of all my illusions the truest;
of all my loves,
lost son,
you are the last.
I put silence into my heart,
I hide in my flower,
I walk in my empty garden,
deleting myself in the sun
that warms me with your absence.

Amori a senso unico

amori a senso unico

Io amavo te

e tu amavi il mondo.

Tu desideravi essere utile con le tue idee al mondo

io volevo essere utile a te con le mie preghiere.

Tu cercavi il mondo affinché potesse ricordarti di te

io cercavo soltanto di farmi ricordare da te.

Tu hai amato il mondo

calpestando un granello di sabbia,

io, attraverso te, ho amato

il mondo intero.

§§§

One way lovers

I loved you
and you loved the world.
You wanted to be helpful with your ideas to the world
I wanted to be helpful to you with my prayers.
You were craving the world that it might remind you, forever,
I was just trying to get me remembered you by.
You loved the world
stepping  a grain of sand,
while I loved, through you,
the whole world.

Amore non fa rima con poesia

leaves-1025495_640

Amore non fa rima con poesia,

per questo dico che

la poesia fa male,

la poesia è cattiva,

per troppe parole si perde l’amore,

fossi stata in silenzio

lui sarebbe restato.

Amore non fa rima con poesia,

pertanto

la poesia fa male,

la poesia è cattiva,

di troppe parole si avvelena l’amore,

fossi stata analfabeta

lui m’avrebbe amato.

Amore non fa rima con poesia,

dunque

la poesia fa male,

la poesia è cattiva,

per troppe parole si spaventa l’amore,

fossi stata più attenta

non avrei scritto inutili parole

e lui sarebbe tornato.

Amore

non fa rima

con poesia.

Quindi, se tu ami,

non scrivere poesie al tuo amato,

sono

foglie cadute d’autunno,

fiori di prugno in primavera,

temporali d’estate,

gemme nel gelo dell’inverno,

che mai il suo amore raccoglierai

solo secchi rami,

sfioriti petali,

morte gemme,

avvizziti fiori,

e tristi inutili sorrisi.

(foto di Fotobox_Petra0107)

Alcune porte

 

glass-door-1245938_640

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcune porte si chiudono sempre e per sempre:

porte a scomparsa totale,

non conservano traccia

né di maniglia né di campanello,

prive di nome proprio,

hanno vernici laccate e lisce,

restano mute al mio vano chiamare,

mi scherniscono in silenzio,

giudici impietosi,

e mi guardano,

giudici implacabili,

allontanarmi incredula e sconfitta

di tanto mio bene rifiutato e irriso

 

§§§

 

Some doors

Some doors close forever and ever:

door fully recessed,

they do not retain track

neither handle nor bell,

they are without a proper name,

they have  lacquered smooth paint,

they stay mute to my useless call,

they scoff me  in silence,

merciless judges,

and they look at me,

judges relentless,

wlhile I’m going  away incredolous and defeated

because of my love rejected and mocked

Se ci fosse

skateboard-331751_640

Se ci fosse un’altra via o un’altra vita

che mi portasse da te, ad incontrare te,

stai sicuro che io la seguirei,

ma forse non c’è

forse non qui,

forse non in questo cuore,

vita e via non conducono da nessuna parte

(foto di Rainer_Maiores)

Lapidazione

 

Hai stabilito un punto di non ritorno,

la temperatura in cui fonde l’ansia,

il grado in cui esplode la rabbia,

hai saggiato il peso e la forma delle pietre,

erano conformi alla tua violenza,

hai calibrato il lancio,

hai dato inizio alla lapidazione,

pietra dopo pietra

hai ucciso l’amore.

heart-1908901_640

Una stella nera

bla

“C’è qualcuno là fuori che desideri essere mio amica?”

Chiese trepidante una stella nera alle altre stelle.

una stellina rispose trepidante,

lo ripeté per tre volte,

e per tre volte non ottenne risposta neppure un garbato diniego,

La stellina fu attratta all’interno del campo gravitazionale della stella nera

e ne fu inghiottita,

cercando di uscirne perse tutta la sua energia e si spense.

“Volevi essere mia amica, stellina? Eccoti accontentata!”

L’ombra spasima per nutrirsi di luce,

l’oscurità anela all’amore per farne scempio,

così una stella nera annienta trepidante ogni stella che incontra.

 

§§§

 

“Is there anyone out there that desire to be my friend?”

Inquired anxiously a black star to the other stars?

a little star replied anxiously

“I do desire to be your friend”

she repeated three times,

and three times she got no answer not even a kind refusal,

The little star was caught inside

the strong gravitational field of the Black Star

and was swallowed,

trying to get out she lost all energy and died.

“Was your desire to be my friend, little star? Here you are satisfied!”

The shadow yearns to feed on light,

the darkness craves for  love to make havoc,

so a Black Star annihilates anxiously every star he meets.

Ho scritto

letters-566562_640

Ho scritto migliaia di lettere e milioni di parole,

pensando di scrivere a te,

invece stavo scrivendo soltanto a me stessa,

mera illusione,

finzione di un cuore

senza amore,

artificio di una mente depressa,

sogno nefasto.

Constatazione di silenzio

 

Di tutti gli auguri non è arrivato il tuo:

constato che silenzio è silenzio

assenza di voce

assenza di presenza

assenza di ascolto

assenza d’assenza

SILENZIO

rain-955956_640

Foto da pixabay

Bruciature

cigarette-1496721_640

Ogni giorno ti mandavo un sorriso

nella speranza che tu potessi sorridere,

non a me, piccolo fiore,

ma al mondo intero,

non era facile trovare un sorriso da regalarti

ma ne scoprivo sempre uno nuovo, invincibile, solo per te.

Ma tu spegnevi sigarette ardenti

sulle pupille del mio amore

e quei sorrisi, ora,

non hanno labbra ma vivide bruciature,

occhi spenti e speranza morta.

Di polvere

dust-1158882_1280

Aspetto un ritorno che non tornerà,

aspetto un natale senza un Gesù bambino,

aspetto una vita che non arriverà,

ci vuole pazienza ad aspettare

tutto ciò che sai perfettamente che non sarà;

è da quando sono nata che aspetto

porta pazienza, aspetta che il tempo non ti aspetta:

di polvere di ossa è pieno il mondo.

(foto di Ivabalk da pixabay)

Vi abitano altri

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Ritorno nei miei sogni

nella casa in cui ho vissuto,

appena sposata,

ritorno nei miei sogni

nella casa in cui sono stata felice, forse.

La vita era tranquilla,

un piccolo giardino fiorito,

una finestra sul castello

che pareva un quadro,

la domenica mattina la casa era piena di luce,

avevo due gatti, un marito,

nessun figlio,

ma la vita era tranquilla,

era semplice,

ero felice, forse.

Nella mia casa ora abitano altri,

sono felici forse,

hanno un amore,

curano il giardino che è stato il mio,

guardano il castello dalla mia finestra,

non hanno due gatti,

ma hanno un figlio.

Nella mia casa abitano altri,

io ho cambiato strada,

non passo più davanti alla mia casa di una volta,

mi fa male vedere le luci accese,

e le decorazioni di natale,

e pensare che là dentro

abitano altri

e sono felici, forse.

(nella foto la mia tavernetta con la finestra “quadro” e il mio giardinetto, Natale 2007)

Un naturale contatto

farfalla

 

Nei lunghi pomeriggi dopo la scuola,

niente voglia di studiare,
suonavano i Pink Floyd nella cassetta analogica,
i nostri maglioni scivolavano sul pavimento,
e noi restavamo pelle contro pelle nei nostri primi abbracci.
Appoggiavo il mio seno adolescente al tuo petto di ragazzo.

Era dunque questo l’amore?
Un naturale contatto di pelle,
Un ascoltare due cuori battere insieme,
Un trattenere il respiro per lo stupore
di sentirsi sfiorare da un attimo d’eterno ?

Nel campo dei lamponi

drops-of-water-352435_1280

La pioggia di agosto venne improvvisa sull’appennino,

una rapida nebbia ci coprì dal mondo,

trovammo riparo nel campo dei lamponi,

raccolsi la tua pioggia nelle mie mani per berne,

e mentre tornava il sole

io accesi l’arcobaleno nel tuo cuore,

nella foresta dei lamponi

le mie labbra si tinsero di rosso

assaggiando l’amore

(foto da pixabay di ChristopherPluta )

Non sopporto il cambio degli armadi

autumn-1042349_1920.jpg

Non sopporto le giornate che si accorciano,

il tempo accartocciato

e il cambio dell’armadio,

non sopporto le foglie che cadono,

e le piante secche e morte nel campo brinato,

non sopporto le giacenze delle raccomandate,

e le richieste inevase del cuore

e i fili ad alta tensione della ragione.

Non sopporto di non sapere mutare

e di non sapere adattarmi

ad ogni naturale cambiamento,

ad ogni perdita, distacco, assenza.

Non sopporto di riempire i vuoti a perdere,

e le mancanze che non si dimenticano,

non sopporto di aspettare false attese,

non sopporto di essere la maschera al cinematografo.

Non sopporto la raccolta differenziata

e le carte stropicciate delle caramelle,

non sopporto gli orologi in ritardo

e il cambio dell’ora legale,

non sopporto le bottiglie di plastica

e l’impazienza con cui le schiaccio .

Non sopporto la foglia gialla appesa che persiste e non cade,

non sopporto le viti spoglie e inerti,

non sopporto le giornate che si accorciano

come orli sfilacciati di jeans

e soprattutto il cambio degli armadi.

(foto di cocoparisienne da pixabay)

L’estate della cicala.

cicala (2) (Medium)

Non più silenzio, canta l’estate.
Ascolto il caldo stridere in un unico suono continuo, ogni tanto si tace poi riprende più forte.
La larva ha spezzato l’esuvia e ha spiegato le ali : la cicala canta l’amore fino a morirne finchè l’estate finisce, finchè la vita finisce.

(foto di Grande Luce, cicala su tronco d’ulivo)

Dal ponte di Furore

P1140091 (Medium)
Gra
P1140036 (Medium)
Grande Luce photo
P1140102 (Medium)
Grande Luce photo
sposa 2 (Medium)
Grande Luce photo

Dal ponte di Furore

 

osservo il tuffo che mai farò :

resto a guardare i sublimi tuffatori delle vertigini

da quell’altezza affrontare con sicurezza il mare;

resto a guardare i tenaci tuffatori di ieri e di domani

alternarsi alle stagioni della mia vita;

sul bordo del ponte io resto a fissare il tuffo che mai farò.

Dal ponte di furore

osservo una sposa che brilla nel sole

le labbra rosse

i piedi nell’acqua

lo scintillio della veste

il sorriso di rosa.

Dal ponte di furore

osservo il tuffo che non ho fatto:

bambini cercano piccoli pezzi di mattonelle

tra la sabbia il brillante perso.

(Foto di Grande Luce al Fiordo di Furore, costiera amalfitana)

Luce di angeli

benemale

Luce abbaglia dalle finestre distrutte

e angeli

restano custodi del tempo che fu

memoria svanita

edera che aggrappa ai muri

suggestivi graffiti sui muri della chiesa di SS Giovanni e Paolo nel borgo fantasma e abbandonato di Castiglioncello, frazione di Firenzuola, nella Valle del Santerno, in Toscana

(info  http://www.appenninoromagnolo.it/borghi/castiglioncello.asp)

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Heather Harris

Writer, Mom, Advocate, Believer of Fairytales

...ensoñación...

• taller de encuadernación artístico artesanal •

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

A scuola con Matilde...

... un diario scolastico e non ...

Conoscere per aiutare

Sportello per genitori dello Spettro Autistico

Colors on the Road

scoprire ogni giorno mille colori nella vita...

Il Giardino sulla Spiaggia

Vivi Ama Sogna Credi

Piccola Frida

Piccola Frida vive in un sogno di colori, ama giocare tra le nuvole, su tappeti di fiori e vivere avvincenti avventure! Il motto di Piccola Frida è Play your dream! - Piccola Frida è una raccolta di disegni di Susanna Albini

Vincenza63's Blog

Conoscersi e parlarsi è un dono

Poesie per Aeroporti e Stazioni

Scritti di Filippo Lubrano (previously "Quanto a lungo riesci a trattenere il fiato")

Nico

Le emozioni raccontate in un blog

eos

un mondo raro

Il giardino delle stanze sonore

Fammi vento che naviga felice

Poesia in rete

I miei amati poeti

L'Oasi di Felixlandia - Associazione Onlus Animalista

“E se tutti noi fossimo sogni che qualcuno sogna, pensieri che qualcuno pensa?” - (Fernando Pessoa)

AVVOCATOLO

Non tutto l'oro luccica, ma difficilmente puzza.

TRAVEL TROUBLE

Blog viaggi di Stefano & Francesca

GIOVANNI AUGELLO

Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina

Sirena Guerriglia Blog

Libero come l'azzurro che si staglia nel cielo

a piedi scalzi

qui dentro, sei molto più eloquente

Superduque

Mi patria es todo el mundo.

Jack & Taff Fitterer

Hand Bookbinding & Restoration

Creativity Forest

Smile! You’re at the best WordPress.com site ever

KnockOut

ultimo round

Le figure dei libri

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.

becca making faces

research and experiments in design, typography, and bookbinding

blog

immagini da un diario

libera-mente

pensieri e poesie di una mente contorta

lombrellomatto

Editore di libri per bambini

BlogEntheos

Leggere è cool

La leggerezza dell' anima

L'anima è leggera... quanto leggeri siano noi

libri d'artista - livres d'artiste - artist books - libros de artista - Künstlerbuch

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.

favoleperimparare

La fantasia è immensa, come il mare...

Featherstonej

...vola solo chi osa farlo...

Studio di Psicologia Francesca Fontanella

La tua storia, a qualunque capitolo tu sia arrivato, è una narrazione di valore. N.W. Payle

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

Cards & Co

cards and other happy thoughts

The Visual Aspect

Music, Art, and Fashion

Karen Elaine

Art, Design, Origami and Inspiration

ioinviaggiodue

viaggi ed emozioni

Canzoni Parole per te

Racconto di te: che questo tempo mi hai dato. Scrivo di te: che questo tempo mi hai cambiato.