Casti fiori di lillà

Scivolai sul dondolo

vicino alle tue labbra

tu soffiasti sopra alle mie,

sorridendo,

mi donasti fiori di lillà,

il tuo bacio fu lieve

come si bacia una bimba,

era un tempo di pace,

di verde quiete, di laghi tranquilli,

e di morbide colline,

tu eri terra di Finlandia,

sole di mezzanotte,

abbraccio sereno,

amore trasparente

nella tiepida estate finlandese,

soffuso colore rosa

nel crepuscolo infinito,

e casti fiori di lillà…

(per H. un amore finlandese nel giorno del suo compleanno)

Circo- Circus

acrobats-1934555_640

Se il mio amore per te fosse un circo

sarei l’equilibrista sul filo delle tue labbra,

sarei la domatrice dei tuoi momenti tristi,

sarei il clown buffo per farti divertire,

sarei la trapezista che si lancia ad occhi chiusi

sicura che le tue mani mi riceveranno

If my love for you were a circus

I would be the equilibrist acting on the edge of your lips,

I would be the tamer of your sad moments,

I would be the funny clown to make you havejoy,

I would be the trapeze artist who jumps eyes closed,

being  sure that your hands will get me

 

(foto di MariaMichelle)

 

L’attesa

C’è chi resta aggrappato all’attesa come fosse la via del ritorno, ma chi torna lo sa; la strada di casa è un passo, un gesto, un modo qualunque per non essere mai chiunque. Criss https://danilocristianrunfolo.wordpress.com/2017/05/31/verso-casa/

 

Ho capito che non basta aspettare,

che se voglio cambiare io devo partire,

allinearmi ai nastri di partenza,

fare quello scatto,

rompere ogni legame

che mi tiene aggrappata al dolore,

per poi ritornare,

nuova,

più forte,

nell’attesa.

(foto di Morzaszum)

Se d’improvviso

Se d’improvviso penso a te,

se d’improvviso accendo la radio

e ascolto il tuo nome,

se d’improvviso apro un libro

e vi leggo il tuo nome,

allora il mio sorriso si accende.

Se penso a te che sorridi a chi hai vicino,

a un fiore o a un bimbo,

a un’equazione di matematica,

a una libellula o a un nuovo amore,

se d’improvviso io penso a te,

allora io voglio credere che sei felice.

Ed io pure sono felice

perché l’amore non è un possesso,

ma è una preghiera di bene,

perché l’amore è gratitudine

per l’esistenza di chi amiamo.

Quella notte, sai …

rome-1791065_1280

Quella notte , sai,

avrei voluto portarti a camminare  nella città eterna,

avrei acceso tutte le fontane per te

per farti cantare la dolce melodia dell’acqua,

avrei spento i lampioni e fatto brillare la luna più dolce,

avrei espresso il desiderio che il tuo sogno divenisse reale,

e in segreto avrei chiesto di farne parte,

ti avrei fatto camminare nel silenzio blu,

a lieve passo di danza,

senza far rumore,

senza disturbare i tuoi pensieri,

avremmo attraversato i ponti fino alla luna,

e le tue mani avrebbero danzato sul mio cuore,

e io avrei amato tra le note del tuo pianoforte,

avrei fatto in modo che il giorno non arrivasse,

quella notte, sai,

avrei accarezzato la tua pelle e baciato le tue labbra,

se avessi avuto più coraggio ti avrei preso per mano

a passeggiare nella città eterna…

 

(foto di designerpoint da pixabay)

Ho dimenticato quanto ti amo

Ho dimenticato di innaffiare il tuo fiore

per sentire il profumo delle rose,

ho dimenticato la tua pelle

per godere del tatto della seta,

ho dimenticato la tua voce

per ascoltare il suono del vento,

ho dimenticato le tue parole

per poter leggere il mare,

ho dimenticato quanto ti amo

per poter amare nuovamente il mondo,

ho dimenticato il tuo nome

per non sentire più questo dolore.

(Nella dimenticanza sta la serenità…)

il mio dirlo a nessuno quanto ho amato qualcuno (di Criss)

… il mio dirlo a nessuno quanto ho amato qualcuno…

Non mi resta che questo: il mio scrivere e scrivere e scrivere ancora ; il mio dirlo a nessuno quanto ho amato qualcuno; il mio farmi parola perché privo di voce.
Ma chi scrive lo sa: sa che dentro ogni riga c’è una pagina intera che s’è fatta silenzio alle orecchie dei più, che seduta ai bordi dell’alba abbraccia il tramonto di un altro mai più.

View original post

Il tuo posto nel mondo è qui e ora

Il tuo posto nel mondo

è qui e ora

è ciò che costruisci con le tue mani,

con la tua intelligenza,

con il tuo cuore;

il tuo posto nel mondo

sono i legami che stabilisci,

il tuo posto nel mondo è l’amore che dai

e che ti viene restituito;

il tuo posto nel mondo

è la bellezza del tuo sorriso,

è la gentilezza delle tue azioni,

è la tenerezza delle tue parole;

il tuo posto del mondo

è qui e ora

Silenzi e parole

walk-1046420_640

Avremmo semplicemente camminato insieme,

io madre e tu figlio,

io figlia e tu madre,

io rispettando i tuoi silenzi,

tu rispettando le mie parole,

che le parole  vestono i silenzi

e i silenzi colmano le parole,

avremmo semplicemente camminato insieme,

riversandoci l’un con l’altro

riempiendo i nostri vuoti e i nostri pieni,

complementari, i tuoi silenzi e le mie parole

(foto Arnica Backstrom)

Il mio gatto :)

gatto su pc

Stasera il mio gatto vuole tutte le mie attenzioni,

mi da la zampina e vuole che gli prenda la testa tra le mani

e si abbandona ai miei baci e alle mie carezze

sulla scrivania rovista tra i miei appunti e poi si accuccia sul pc acceso,

chiude gli occhi, beato, e finge di dormire,

mi sfida a spostarlo di lì con i suoi 11 kg , e mi soffia se ci provo ,

il mio gatto è fiero come un leone

e tenero come il  cucciolo più indifeso,

docile e viziato,

libero e dolce,

tenero e prepotente,

mi vuole solo per lui,

e mi fa scrivere una poesia per lui,

mi distoglie dai miei pensieri,

lui il mio padrone e io la sua schiava,

i suoi occhi nei miei,

mi insegna che l’amore è lasciarsi andare

e esserci con la mente e con il corpo

e far volare il cuore nel suono delle fusa

e darsi l’un l’altro con fiducia e tenerezza

Le mie parole d’amore- My love words

love-2055960_640

 

Le mie parole d’amore

Inciampano le emozioni sulle mie parole che tradiscono il cuore

parole proibite, parole vietate, parole censurate,

parole su cui il mio cuore barcolla, ubriaco,

e che il tuo cuore, spaventato, non vuole ascoltare.

 

E così tu vai via, lontano, ferito da parole d’amore,

e io resto,

mosche tra le mani,

con inutili poesie d’amore impotente.

 

Tu vai via sempre,

tu scappi comunque

per proteggerti dalle detonazioni

di improvvise emozioni fuori controllo

e io resto sempre,

io resto comunque

ad attendere un tuo incerto ritorno.

§§§

Love words

Emotions stumble on my words betraying this Heart of mine,
forbidden words, banned words, censored words,
words on which my heart staggers drunkenly
And that your heart, scared, do not Want Listen.

And so you walk away, far, wounded by my words of love,
and I remain,
with flies In my hands,
with useless love poems, helpless.

You always go away,
You are still going away
to protect from detonations of
sudden emotions out of your control

I am always here,
I ‘ll stay still
Waiting for your uncertain return

 

(foto di Der_Typ_von_Nebenan)

 

Ti lascio andare

spring-477799_640

Lascio andare tutti i miei fiori,

lascio marcire i petali caduti con il vento,

lascio sfumare i colori nel fango,

anche io non ho mani abbastanza per raccoglierli,

ti lascio andare insieme alla mia libertà di amare,

è il tuo lasciapassare,

non lascio andare il mio dolore,

l’unica cosa che mi rimane di Te.

(foto di Kimura2)

§§§

I let you go away from me

I let all my flowers go away,

I let fallen petals rot with the wind,

I let the colors fade in the mud,

I too have not enough hands to pick them up,

I let you go away together with my freedom to love,

And this is  your passport to go, be sure ,

I do not let go my pain,

the only thing left of you to me

La rosa e la piuma

Lettera di una piuma ad una rosa:

Non avevo molto da offrirti, o meglio molto poco,

totale fiducia, ascolto sincero, comprensione incondizionata, tenero affetto,

ero solo una piuma che il vento o la vita o il caso

aveva fatto impigliare tra le spine della tua rosa,

come poteva davvero una piuma proteggere una rosa dalla pioggia o dal sole,

come poteva crederlo o solo pensarlo?

Ero solo una piuma portata dal vento e che poi il vento avrebbe di nuovo soffiato via…

lontano da te come una cosa senza peso, come una cosa senza importanza, come una piccola cosa da niente… leggera impalpabile soffice

La rosa disse alla piuma:

“Sei così buona che mi viene da piangere. Assomigli alle piume dei pulcini.”

Disse la rosa alla piuma, soffiò e la fece volare via da sé…

soffice leggera e buona

post ispirato alle splendide foto di Susanna a una rosa arcobaleno e a una piuma in https://mutazionidelsilenzio.wordpress.com/2017/03/12/arcobaleni-rainbow-rose/

§§§

The rose and the feather

Letter from the feather to the rose:

I did not have much to offer, or rather very little,
total trust, sincere listening, unconditional understanding, tender affection,
I was just a feather that the wind or the life or the case
had entangled among the thorns of your rose,
how could a feather really protect a rose from the rain or the sun,
how could she
believe it or just think it?
I was just a feather carried by the wind and then the wind would again blown me away …
away from you as a thing without weight, as something unimportant, like a small thing to nothing … light soft impalpable

The Rose told the feather:

“You are so good that I want to cry. You look like the chick’s feathers. “,  the rose said to the feather, he blew and sent the rose flying away from him …
soft light and good

 

 (inspired by the beautiful pictures of Susanna of a rainbow rose  and a feather in

https://mutazionidelsilenzio.wordpress.com/2017/03/12/arcobaleni-rainbow-rose/ )

Di te

plum-tree-1358459_1280

Di te non ho amato labbra occhi mani cuore,

di te ho amato le lacrime e le stelle,

la purezza e la profondità d’acqua del deserto,

la dolcezza primitiva della voce e la ruvidezza delle parole,

la più nera oscurità e la più tenera luce,

la solitudine ricercata e la necessità di avere un rifugio,

la disperazione e la risolutezza,

la coerenza e l’ imprevidibilità,

il bianco e il nero,

tutto e il contrario di tutto,

ma soprattutto,

di te ho amato le stelle e le lacrime,

le tue e … le mie

Io Vi amo, comunque

borage-494636_640

Mio fiore ,

mio gentile fiore,

mio delicato fiore,

mio profumato fiore,

io vi amo,

sia che Voi siate

libero fiore di prugno,

o sofisticata orchidea

o tenera rosa,

io Vi amo,

mio crudele fiore,

fiore del mai più,

fiore fatto di spine,

spine selvatiche,

non addomesticate,

appuntate sul mio cuore,

fiore del mai più,

io Vi amo, comunque.

§§§

My flower,

my dear flower,

my delicate flower,

My fragrant flower,

I love you,

whether you are,

a free plum flower,

or a sophisticated Orchid

or tender rose, I love you,

My cruel flower,

Flower of no more,

flower made of thorns,

thorns not tamed,

pinned up on my heart,

Flower of never again,

I love you, anyway.

§§§

Minha flor,

Minha querida flor,

Meu delicada flor,

Minha flor perfumada,

Eu te amo,

se você è

uma livre flor de ameixa,

uma orquídea sofisticado,

um rosa suave, eu te amo,

Minha flor cruel,

Flor nunca mais,

flor feita de espinhos,

espinhos não domesticados,

presos em meu coração,

Flor nunca mais,

Eu te amo, de qualquer maneira.

La prima volta che ti vidi

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Ti avevo a lungo sognato, pensato, immaginato,

ricostruivo la tua figura leggendo la descrizione che di te avevi dato,

dicevi la forma del viso, il colore degli occhi e dei capelli,

non parlavi come erano fatte le tue labbra

e un viso senza sorriso io non sapevo immaginarlo.

Ti lasciai tutto il tempo che desideravi

affinché tu prendessi fiducia in me,

tolsi tutte le mie spine per non ferirti in alcun modo,

preparai il mio sorriso più bello per accoglierti

e ti inviai un fiore gentile in segno di pace,

i fiori e i sorrisi non fanno mai male.

Allora tu mi mandasti una tua foto,

prima di aprirla esitai un momento,

pensai sto per vedere un Figlio,

poi ti vidi , mi apparisti meraviglioso,

e tremai perché sapevo

che ti vedevo con gli occhi menzogneri del cuore …

 

Come spiegare?

heaven-1496466_640

Come spiegare le poesie ad una mente razionale?

Come spiegare le emozioni ad un cuore spaventato?

Come spiegare che i numeri sono colorati al poeta che conosce solo le parole?

Come spiegare cosa succede quando due persone si prendono per mano?

Come spiegare come si sta quando stai piangendo e qualcuno ti abbraccia?

Come spiegare che si piange anche di gioia?

Come spiegare la magia di due anime che si incontrano?

Come spiegare che il due è bianco, l’otto è blu, il sette viola e il 4 un azzurro turchese?

Come spiegare l’amore che sboccia come un fiore prepotente e tagliente?

Come spiegare

???

Un viaggio nuovo e diverso

rosa-1

Un viaggio nuovo e diverso

Figlio, per te ho fatto un viaggio nuovo e diverso:

sono andata alle radici di me stessa

per ritrovare la fonte della  mia tenerezza

e la sorgente più pura della mia compassione,

per te, Figlio.


A new and different journey

For you, Son, I made a new and different journey:

I went to the roots of myself

to find the source of my tenderness

and the purest source of my compassion,

for you, Son.

Figlio, non ci sei.

fiore-4

Non so dove sei, Figlio

non so se avresti imparato a suonare il pianoforte,

non so di che colore sarebbero stati i tuoi occhi,

non so se la tua voce mi avrebbe fatto commuovere,

non so se guardandoti avrei pianto di tenerezza,

non se sarei stata orgogliosa

al tuo primo passo o al tuo primo amore.

Figlio, ti penso anche se non ci sei

ti aspetto anche se non potrai arrivare,

ti onoro e ti rispetto anche se non sei presente:

certe assenze sono destinate a rimanere sempre con noi,

impalpabili presenze a cui non si può sfuggire

sempre ci ricordano ciò che non siamo,

ciò che non abbiamo,

sempre ci inchiodano alla croce

di ciò che non saremo,

ciò che non avremo,

fino alla fine.

Figlio, non ci sei.

Il mondo, a volte

all-1784245_640

Il mondo, a volte, va avanti

e sembra fare a meno di me,

il mondo corre veloce

ed io resto indietro anni luce,

resto lontana e sola,

in un attimo il mondo fa quello

che io non ho fatto in tanti anni e che mai farò,

il mondo ama e concepisce figli,

senza neppure pensarci, spesso,

il mondo odia e combatte e uccide

senza neppure rendersi conto, spesso,

mentre io resto in disparte

e scrivo poesie che tu non puoi capire,

mentre scrivo parole d’amore che non puoi leggere,

mentre do amore che non puoi accogliere,

mentre ti penso e tu mi respingi

mentre ti amo e tu non mi vuoi

mentre sono felice di amarti anche se mi mandi via,

mentre amo te

che rappresenti tutto il mondo

che mi lascia in disparte,

sola e lontana,

e che sembra fare a meno di me, a volte

 

(foto di comfreak da pixabay)

In evidenza

Mio figlio non esiste

young-fox-1404017_640

Mio figlio è una piccola volpe spaventata

a volte morde la mia mano che si avvicina

a volte esplode in rabbia o in pianto,

non sa quanto gli voglio bene;

mio figlio è una piccola volpe triste

quando non si sente accettata,

non sa che non è mai solo

perché è sempre nei miei pensieri;

mio figlio è una piccola volpe libera e felice,

corre nel bosco, amando la vita,

non sa che io lo ammiro;

mio figlio è una piccola volpe innamorata

che aggiunge bellezza al mondo,

di notte la luna lo avvolge come una madre,

non sa che è la mia carezza;

mio figlio ha zampe magre di volpe,

non ha imparato ad abbracciare,

non sa che io l’abbraccio con le parole;

mio figlio ha muso di volpe

e non ha imparato a sorridere,

non sa che io sento il suo sorriso;

mio figlio ha un cuore di volpe

_mio figlio non esiste_

è solo un sogno che la luna pietosa mi ha donato,

non sa che per lui io scrivo poesie.

Amore di fango e pioggia

fango

Il mio amore è andato via

tra la pioggia e il fango,

polvere e nuvole di stelle,

il mio amore è andato via.

Amore perché non torni?

L’amore è semplice,

se è complicato non è amore.

L’amore è irrazionale,

se è razionale non è amore,

L’amore è stupido,

se è savio non è amore.

Amore di fango e pioggia,

ti ho forgiato con la creta del mio cuore,

la pioggia ti ha portato via,

amore di fango e polvere,

non sei amore se ti sciogli al primo temporale,

mi è rimasta un poco di creta

ti plasmerò di nuovo

aggiungendo basalto lunare

e lacrime

perché tu possa essere più forte.

Non ho di te che parole d’amore e polvere

fountain-pen-447576_1280

Di te non ho che due foto,

un ritratto in chiaroscuro e uno in seppia,

fai ciao con la mano al mondo,

un gesto semplice e naturale di bambino,

e poi ho foto di cose da te realizzate,

oggetti e mobili in legno,

una porzione del tuo giardino,

un tramonto dal tuo paese,

abiti di carnevale da te cuciti,

un cappello con una piuma,

una tenda da gioco per bambini,

tutti oggetti che testimoniano il tuo animo gentile e delicato,

il costumino da moschettiere l’ho adorato…

e poi ho foto tue di bambino…

e poi tante tue parole scritte di inconsapevole magia

e di intensa emozione,

poesie di polvere e amore,

non ho di te che parole d’amore e polvere

 

Vorrei essere il tuo angelo

Vorrei essere l’angelo del tuo sorriso per tenerlo sempre acceso,

l’angelo della tua stella quando dimentichi la Luce,

l’angelo della tua notte per tenerti addormentato tra le mia braccia,

l’angelo della tua veglia per attendere che la speranza ritorni,

l’angelo del tuo dolore per sostenerti,

l’angelo della tua gioia per farla risuonare nel creato,

l’angelo della tua morte per donarti la quiete.

(4 gennaio 2017, scritta nel cortile del Duomo di Salerno, ascoltando un angelo)

§§§

I would like to be your  angel
I would like to be the angel of your smile
to keep it always on,
the angel of your star when you forget the Light,
the angel of your night to keep you sleeping into my arms,
the angel of your vigil to wait for  hope to return,
the angel of your pain to support you,
the angel of your joy to make it resound in creation,
the angel of your death to give you the peace.

Nella culla del bosco

Piove nel bosco e sul tetto della casetta:

il temporale romba lontano,

il primo quarto di luna sta tra le nuvole come in una culla,

il vento porta il suono del mare,

le gocce distillano melodia,

il bosco ordinato sta in pace:

il geco nel suo riparo,

il topolino nella tana,

l’allocco sul vecchio carrubo,

la volpe attende quieta tra le calde radici della terra,

noi nella casetta dormiamo,

nella culla del bosco ascoltiamo la musicale armonia della pioggia

 

Intangibile

nuvole-poesia-intangibile

Ho sempre creduto di camminare incontro a te

per venirti incontro in una qualche imprecisata ma reale parte di strada,

ho sempre camminato con pazienza e umiltà,

quanta strada di asfalto e nuvole,

più mi sembrava di farmi vicina più la distanza aumentava,

più strada calpestavo più spazio si frapponeva tra te e me,

nuvole e nuvole di autostrada,

ma le nuvole non si mai dove il vento le porti,

e più passi facevo più il tempo mi divideva da te,

il tempo non dà scampo

più avanzavo verso di te, più tu arretravi,

lontano lontano,

e irraggiungibile,

o vicino vicino,

e intangibile.

Un fiore prepotente

baobab

Da argilla desiderai farmi vaso

e raccogliere terra per una radice,

farsi vaso presuppone il fermarsi,

e io che avevo sempre avuto una naturale propensione per il viaggio,

mi fermai per diventare vaso.

Incontrai un fiore strappato

le radici nude, sofferenti,

ne ebbi compassione,

lo raccolsi, mi feci vaso per lui.

Il fiore si rianimò,

ed io presi ad amarlo di tenerezza,

a pensarlo curarlo e a coltivarlo,

ma ben presto egli si fece forte

ed ebbe il sopravvento su di me.

Infilò il suo fittone fin dentro al mio cuore,

vi si conficcò ben saldo,

ed iniziò a succhiare avido

via tutto il sangue,

prosciugò il mio cuore,

fece arido deserto dell’amore.

Infine il fiore prepotente ebbe abbastanza energia

per sradicarsi dal cuore che lo aveva accolto,

con tutta la terra insieme

riuscì a strappare via il cuore dal mio petto.

Il fiore crebbe divenne un albero,

come il baobab del piccolo principe,

tra le sue radici ben stretto

tenne il mio cuore macilento.

Non avevo più un cuore,

ero diventato sì un vaso,

un vaso vuoto,

senza terra,

senza storia,

senza tempo

senza viaggio.

Tempo ingiusto

time-1773213_1280

Ascolta, mi dicesti, mai mi dimentico di te

io ero indecisa, sognai e restai.

Un’altra volta, l’ultima, fu io a dirti

mai mi dimentico di te,

tu eri forte e impaziente e mi lasciasti.

Io sbagliai il momento,

tu cogliesti l’attimo.

Le parole sono mutevoli

come il tempo delle persone

e non hanno significato alcuno.

Eppure è vero

che mai io mi dimentico di te

e vuol dire quello che vuole dire.

Per me fu un sogno.

Per te una minaccia.

Il mio tempo fu ingiusto

contro il tuo, perfetto.

(immagine di Karen_Nadine da pixabay)

Imprevisto

soothsayer-1472635_1280

Tu hai programmato con meticolosità ogni cosa

affinché tutto fosse perfetto,

hai imparato la parte a memoria,

l’hai provata e riprovata un centinaio di volte,

ha dedicato ore ed ore

a regolare la giusta intonazione,

hai disegnato e cucito l’abito di scena come una seconda pelle,

hai trovato un sorriso allo specchio e l’hai reso tuo,

hai tagliato corti i tuoi capelli,

hai scelto con cura la gradazione di colore dei pantaloni

da abbinare alla montatura degli occhiali,

hai calcolato i tempi e le pause e i secondi del respiro,

ma non hai calcolato il fattore imprevisto

quello che scombina il piano più accurato,

quell’imprevisto che fa deragliare treni e cuori:

quell’ imprevisto non previsto,

fuori da ogni controllo,

fuori da ogni regola,

senza disciplina o ragione:

tu chiudesti baracca e burattini

“lo spettacolo è stato rinviato a data da destinarsi”

ammoniva la fascia sulla locandina

all’entrata del teatro

(foto di Meijer da Pixabay)

 

L’illusionista

piano-1726569_1280

L’ illusionista è padrone dell’arte della sparizione,

sa inventare una realtà che non esiste,

equilibrista sul filo del sortilegio,

trapezista della speranza,

prepara con maestria il suo trucco,

manipola le leggi della chimica e della fisica,

domina la legge dell’attrazione gravitazionale,

incanta volpi e serpenti,

affascina lo spettatore più scettico,

incatena i cuori in apnea,

la sparizione è il suo numero più apprezzato,

un trucco è  un trucco, mai va rivelato,

va preparato con attenzione,

la finzione è più vera del reale

ciò che l’illusionista teme maggiormente è di essere disvelato,

tutto il suo armamentario cadrebbe come un castello di carte sui tasti di un pianoforte,

allora lancia al pubblico il suo nero mantello come un oscuro sortilegio,

mette in opera la sparizione, un’altra illusione a questa realtà senza senso.

Dal retro hanno visto uscire  un uomo  privo di indumenti,

dicono che un mendicante l’abbia avvolto nella sua coperta,

dell’illusionista non si è saputo più nulla,

il trucco, perfettamente riuscito, mai sarà rivelato.

(foto di Magorichard0 da pixabay)

 

Assolvo le mie promesse

helichrysum-1631895_1280

 

Ti feci promessa di restare,

ti feci promessa che sarei stata forte,

ti feci promessa di andare se tu lo avessi chiesto,

dicesti no, che mai sarebbe accaduto se fossi stata sempre così delicata.

Cosa è successo?

Che vado via restando,

assolvo le mie promesse.

Resto fingendo di andare via.

Ti lascio un fiore delicato, il secco elicriso,

che ti macchi i ricordi di me

Profane stigmate

mani

Queste macchie bianche sulle mani,

le guardo e le capisco,

il dottore ha detto è vitiligine,

ignota la sua origine,

io ho taciuto perché so,

i segni sulle mie mani si fanno evidenti al dolore,

io non posso nascondere le mani

e non posso non guardarle

e mi ricordano costantemente di te,

lividi sbiancati dell’anima,

bruciature accecanti del cuore,

sgocciolature bianche di dolore,

profane stigmate d’amore

(foto della mia mano)