Io, Antonella, dichiaro:

Mi chiamo Antonella, sono nata a Milano nel 1968,  vivo in Romagna, abito in campagna con i miei genitori, mio marito, 3 gatti, mio fratello e la sua famiglia, non ho figli,  ho 6 nipoti.

Dichiaro che tutti i miei racconti e poesie sono frutto della mia esperienza personale, sono solo pensieri ad alta voce, una sorta di diario molto personale di questo mio viaggio esteriore ed interiore di incontro al Mondo fuori di me e all’Altro da me.

Questo blog non intende recare danno od offesa a nessuno, ognuno è libero di partecipare e commentare o di muovere suggerimenti riflessioni o critiche liberamente. Io sono qui a disposizione.

Qui io presento unicamente una mia visione del mondo, rappresento esclusivamente il mio essere con il mio sentire e le mie emozioni. A volte complicata, altre confusa, sempre imperfetta, limitata, qualche volta stupida e/o stupita, liberamente, io parlo di me, solo di me, racconto piccoli viaggi e grandi incontri dal mio punto di vista, vissuti e sentiti da me, dal mio modo di vedere e sentire con tutti i sensi, partendo e solo ripartendo da me.

Sono fermamente convinta che scrivere sia un modo per comunicare l’Amore e la Luce che ognuno di noi ha dentro.

Come tutti, auspico un mondo in cui gentilezza, pace, rispetto, uguaglianza trovino ampio spazio, un mondo in cui ogni persona possa essere libera di essere ciò che è, senza maschere.

Io parto e riparto ancora una volta solo da me, da ioinviaggio.

Voglio chiarire anche l’identità di Volpina Blu : non vi corrisponde alcuna persona in particolare, Volpina Blu è soltanto la mia ideale proiezione del Bene che porto dentro, di un Sogno puro di Amore e di Speranza.

Desidero inoltre chiarire che la persona a cui ho dedicato tutte le mie poesie, in particolare quelle per un figlio, non esiste, e non è mai esistita, e mai esisterà, è solo un sogno di bene e di amore.

Grazie a tutti, gentili ospiti e/o compagni di viaggio

Antonella

24 risposte a "Io, Antonella, dichiaro:"

Add yours

  1. L’ESSENZIALE…

    di Fausto Corsetti

    Al ritorno da una vacanza, mi sorprendo con la mente a riflettere: tutto ciò che era diventato ordinario, faticoso, ingombrante diventa atteso, desiderato, rivisitato, ritrovato. Dopo una breve interruzione, dopo una pausa di distacco, dopo una temporanea assenza, la dimensione entro la quale ci si muove nel quotidiano scorrere del tempo appare diversa e nuovamente attraente. Riemergono, con colori inusuali, immagini e riferimenti che erano divenuti scialbi e sbiaditi.
    Le consuetudini che impegnavano il tempo quotidiano riaffiorano con interesse e nuova affezione. Il tempo scelto per assentarsi momentaneamente dall’ordinario e da tutti quegli spazi zeppi di affetti, di riferimenti, di memorie, di legami, di simboli, di nostalgie, di oggetti, di frequentazioni, diventa finalmente occasione per ridare giusto valore, significato e peso a ciascuna cosa e a ciascuna abitudine.
    Disfacendo la valigia che ci aveva accompagnati, nel timore di non avere quelle cose che si reputavano essenziali per sopravvivere al distacco e alla lontananza, la si ritrova carica, spesso eccessivamente colma, di cose e legami superflui, non essenziali.
    Non tutto, di quanto era apparso fondamentale e necessario, è stato realmente utile. Ci ha resi sicuri, prima della partenza; ha soddisfatto il nostro senso di previdenza, prima di partire; ha reso meno pesante la separazione dalla vita di tutti i giorni: ma, in conclusione, non è risultato effettivamente utile, indispensabile.
    Servono davvero poche cose a chi parte.
    Poche cose sono necessarie a chi decide di vivere cercando quanto è sufficiente per dare sapore e fine all’esistenza quotidiana. Si può vivere con poco, si può partire con meno, si possono custodire solo poche cose.
    Una valigia povera, capace di contenere quanto è essenziale per vivere: anche il quotidiano vivere ci interroga, invita a cercare, a custodire, a raccogliere ciò che è sufficiente, essenziale, utile davvero.
    Il di più non serve: aiuta, ma non soddisfa; è utile, ma non essenziale.
    Per l’uomo-pellegrino ogni strada che arricchisca davvero l’umanità è percorso prezioso e desiderato…
    Questo è l’uomo libero, l’uomo capace di vivere, custodendo nella propria valigia, soltanto ciò che è essenziale: chi infatti non ha ansie di potere, di piacere, di dominio ha più profonda motivazione alla ricerca, alla scoperta, all’accettazione di quanto la ricerca e la scoperta degli altri offrono.
    Erranti, di luogo in luogo, assetati di novità, amanti di tutto ciò che è umano, alla continua scoperta di sé, insaziabilmente assetati di mistero, del Mistero che accoglie, protegge, custodisce, con memoria gelosa, il nome di ogni essere vivente: questa è la condizione dell’uomo libero, chiamato a custodire solo quanto è necessario.

    Piace a 4 people

  2. Ho letto con molto interesse le tue parole… mi piace soprattutto quando dici di auspicare un mondo in cui ciascuno possa essere libero di essere ciò che è, senza alcuna maschera compiacente! Purtroppo, come diceva Pirandello “nel lungo viaggio della vita ci imbattiamo in molte maschere ed in pochi volti”.
    Complimenti sinceri

    Piace a 1 persona

  3. Grazie Antonella per il tuo scrivere onestamente in coscienza nel tuo blog su WordPress.com , inizio a seguire i tuoi articoli e ti auguro di realizzare la tua cosciente libertà di essere così che puoi realmente e realcuore fare le tue scelte in coscienza maturante per realizzare i tuoi meriti reali Sempre, Ovunque, Come e Perché, grazie al tuo onesto lavoro in coscienza, https://italianoanunnako.wordpress.com/ era il mio precedente blog gratuito su WordPress.com di qualche anno fa ma poi perdetti le credenziali di accesso per cui rimane pubblico e “congelato” ed attualmente sono ripartito con il mio nuovo blog https://federicosantarelli.home.blog/ , buongiorno, buon lavoro! ❤ … ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi a Volpina Blu Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Theodore B. Fox

Le incredibili avventure di un esploratore (quasi) professionista

Lino Fusco Psicologia Psicoterapia

Ansia Depressione Ben-Essere Autostima

I Viaggi di Morgana

Live in the present without time

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Laura Berardi

La vita è un uragano di emozioni

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

Damiano e Margherita Tercon

L'autismo non ci ferma!

Violenza Psicologica

Articoli e riflessioni di una scampata a una relazione violenta.

kintzugi

l'arte di ridare forma alle cose

Uscire dalla dipendenza affettiva

Psicoterapia applicata alla cura della love addiction

THE PRINCESS AND THE AUTISM

"L'amore non conosce barriere. Salta ostacoli, oltrepassa recinzioni, attraversa pareti per arrivare alla sua destinazione, pieno di speranza." - Maya Angelou

I pensierini ritrovati nella mia cartella

Osserva il mondo con gli occhi e lo stupore di un bambino!

Sogna Viaggia Ama

di Veronica Iovino

For•ME

For•ME è "per me" ma anche "forme",  il modo unico di essere di ognun* di noi. Questo è il mio, fatto di parole ed immagini rigorosamente self-made.

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Simon Goode

Let's make books...

irughegia

il blog di silvia sitton su abitare collettivo, sharing economy e dintorni

twiggynest

Craft ideas, inspiration and artistic projects

Amore Di Zìa blog

Nel cucito come nella vita: mai dire mai!

Mamma nel Cuore

Percorso, Sensazioni, Scelte di una mamma adottiva

Writing on a green stone

Scrittrice ispirata da sole emozioni

light blue

esprimere le foci interiori per non affogare

The Renarde Resistance

Political Activist. Mother.

Sons Of New Sins

Parole libere. In armonia con il suono del silenzio.

Trial By Fire

God, Heroes, Mental Health, Love, Narcissists © copyright Tamara Yancosky

The blower daughter

Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l'immagine di un'idea. T. Terzani

Appunti sparsi

Il disordine non esiste.

Narcissistically Speaking

Awareness for Women of Faith

Downtobaker

Voce del verbo leggere.

Una bionda con la valigia

A tutte le donne che viaggiano da sole. Perchè alle volte si può chiudere tutto il proprio mondo in un trolley e portarlo con sè.

J.R.R. TOLKIEN

Esplorando il mondo di Tolkien

Audiofiabe per bambini

Fiabe tradizionali e inedite lette da Walter Donegà

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Turisti per Sbaglio

...viaggiamo l'Europa di casa in casa

narcsite.wordpress.com/

Know everything about narcissists from the world's no.1 source. A narcissist himself.

Cicaleccio confuso

Le mille storie ordinarie d'un (quasi) uomo altrettanto ordinario. Insomma, una gran noia.

CONOSCERE IL NARCISISTA

Smetti di pensare al Narcisista

Vivere la Magia

Esperienze di una Strega sul Sentiero di Madre Terra

❀ Shelinz - Scrivo solo se vivo ❀

BLOG DI CRESCITA PERSONALE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: