Tra la pioggia e il cuore

tra la pioggia e il cuore ci sei tu,

nella notte di attesa

ti cullo tra le mie braccia

come se tenessi il mondo intero,

sospeso tra la pioggia e il cuore

Annunci

Partorirti

hands-2383261_640

Avrei voluto portare il tuo mistero,

avrei voluto che mi sgusciassi tra le gambe

sporco, acerbo frutto,

e appoggiato il tuo cuore sul mio,

avrei visto la cosa più straordinaria del creato,

un fior di loto di fango, appena sradicato,

un pezzo di asteroide incandescente di sole,

un sogno d’infinito lanciato nel mondo…

 

 

UNA POESIA PER LA SERA di Natale Pace e Dora Levano

grazie a Circolo16.com per l’ospitalità

Circolo16

ANTONELLA – VOLPINA BLU

volpina blu

Buonasera, sono Volpinablu o Antonella come preferite. Ho 49 anni, vivo in campagna con due gatti, mio marito, i miei genitori e la famiglia di mio fratello. Ho iniziato a scrivere poesie negli ultimi anni, non avrei mai pensato di scriverne… eppure sono arrivate, le ho ascoltate e colte dentro di me.
Le poesie per me sono come spine di rose, finché non le estrai fanno male, solleticano dentro alla mia pancia finché non escono alla luce.
Non scrivo poesie sono loro che vengono da me, non so se sono poesie, sono emozioni a cui presto la voce.
Partecipo qui con senso di pudore e di timidezza, questa mia poesia che parla di una maternità, che non ho vissuto, è il mio sincero biglietto da visita.
Ringrazio Natale per il suo gentile invito.
AVRO’

Avrò mani,
pelle, occhi,
più delicati
per toccarti con il mio corpo

View original post 350 altre parole

Processo (J. Saramago)

le parole come grazie

thank-you-140227_1280

Le parole, quelle più semplici, quelle più comuni,

quelle che si usano in casa e si scambiano quotidianamente,

si tramutano nella lingua di un altro mondo

basta solamente che gli occhi del poeta,

sfiorandole, le illuminino.

 

da Le poesie possibili

iotraducosaramago

(foto da pixabay)

Nuovo Lucifero

Nuovo Lucifero

brami il mondo,

bruci i ponti dopo aver attirato le anime gentili,

seppellisci i porti dell’amore sincero,

recidi la linfa delle rose,

studi la lacrima sotto alla lente

per svelare il mistero del saper piangere,

prosciughi i pozzi della speranza

in nome della tua selvaggia libertà,

sei la brama del mondo,

pulisci la tua lama con il mio sangue,

cambi il tuo nome,

cambi il tuo viso,

cambi il tuo travestimento

ti credetti un angelo

in ascolto dei mortali,

sei un nuovo lucifero,

ti prendi gioco

dei poeti ingenui e innamorati

In un fiore qualsiasi…

La maggior parte delle persone non sa
affatto quanto il mondo sia bello
e quanto splendore si manifesti
nelle cose più piccole, in un fiore qualsiasi,
in una pietra, nella corteccia di un albero
o nella foglia di una betulla.

Rainer Maria Rilke

Incontro alla mia anima

La vita mi cambierà

se mi lascerò plasmare,

modellare i fianchi,

ammorbidire gli occhi,

sgualcire le guance,

scolpire il cuore,

sciupare le mani,

nell’imprevisto di un sorriso,

nell’affondo di un dolore;

la vita mi cambierà

se permetterò che essa mi ami

e mi porti via con sé,

nel vento delle nuvole,

nella magia di un bacio,

nella corsa di un bambino,

nel giro del mondo,

incontro alla mia anima

 

 

 

Ho dimenticato quanto ti amo

Ho dimenticato di innaffiare il tuo fiore

per sentire il profumo delle rose,

ho dimenticato la tua pelle

per godere del tatto della seta,

ho dimenticato la tua voce

per ascoltare il suono del vento,

ho dimenticato le tue parole

per poter leggere il mare,

ho dimenticato quanto ti amo

per poter amare nuovamente il mondo,

ho dimenticato il tuo nome

per non sentire più questo dolore.

(Nella dimenticanza sta la serenità…)

Il tuo posto nel mondo è qui e ora

Il tuo posto nel mondo

è qui e ora

è ciò che costruisci con le tue mani,

con la tua intelligenza,

con il tuo cuore;

il tuo posto nel mondo

sono i legami che stabilisci,

il tuo posto nel mondo è l’amore che dai

e che ti viene restituito;

il tuo posto nel mondo

è la bellezza del tuo sorriso,

è la gentilezza delle tue azioni,

è la tenerezza delle tue parole;

il tuo posto del mondo

è qui e ora

Che cosa ho sbagliato con te?

Che cosa ho sbagliato con te, stella?

Dicevi che tutti ti abbandonavano,

lasciandoti in disparte.

Io no, avevo cura e attenzione di te,

giovane stella,

ti tenevo sempre con me,

il mio piccolo mondo di fiore era il tuo,

ti accoglievo tra i petali dei miei pensieri

e il mio polline era poesia per te.

Perché hai bruciato il tuo fiore che si prendeva cura di te?

Giovane stella,

cosa ho sbagliato con te?

Mi eri lieve…

lotus-1205631_640

Mi raccolsi intorno a te

per accoglierti,

mi eri  lieve peso, Figlio,

ti avrei tenuto così per tutta una vita,

abbracciato e protetto in me,

avevo cura di te e ti amavo,

il tuo respiro era il mio,

il tuo battito di cuore batteva dentro al mio,

il mio nutrimento era per te,

per me tu eri tutto il mio mondo,

io te lo donavo

mentre per te ero il principio del tuo mondo…

 

Il giorno che tu mi lasciasti fu il mio giorno più felice,

vidi il tuo viso e potei ammirarlo,

promisi di rispettarti e onorati, sempre,

il giorno che tu mi lasciasti fu il mio giorno più triste,

l’autunno era caldo di frutti e di promesse,

tu dovetti separarti da me

per compiere il tuo destino,

seppi allora a cosa era servito essere stata un fiore,

un fiore da poco,

accogliere una stella e poi lasciarla brillare

nel cielo della Vita

 

(foto di Devanath)

Concepito

conceived-as-1112455_640

Non riuscivo a concepire l’idea di te

ti sentivo esterno,

mi sentivo estranea,

così distante da me l’idea di concepirti,

aliena,

come se non mi appartenesse,

separata al mio corpo e alla mia mente,

mi chiedevo se mai ti avrei concepito

e come sarebbe successo,

dal momento che ti percepivo avulso da me,

distaccato, lontano, separato,

come avrei potuto includerti dentro di me

e poi rilasciarti al mondo,

sapevo che avrei sofferto

non nel darti al mondo

ma nell’accoglierti,

sapevo che se solo ti avessi concepito

tu avresti preso il mio mondo,

lo avresti gettato via da me come un inutile gomitolo,

ed io mi sarei raccolta intorno a te

per farti dono della mia vita.

Avevo paura di te

perché ti avrei amato più di me stessa.

Il mio corpo non ha potuto concepire,

ma la mia mente ha concepito

un pensiero di te,

ed io ho perso me stessa

nel tuo Amore.

(foto di Noppakaw)

Nella notte ti sogno…

moon-1301073_640

Nella notte pronuncio il tuo nome

e subito il mio cuore si riempie di tenerezza

e ti dico le parole più dolci,

esprimo per le preghiere più vere,

e i pensieri più belli sono per te,

penso alle stelle che ti cullano

e alla luna che è la tua casa,

e l’universo che è il tuo mondo,

penso all’amore che hai nel cuore

e prego che la tua vita sia buona e serena,

poi la notte finisce

e il sogno di te svanisce,

di giorno spero che venga presto la notte

per poterti incontrare…

§§§

By night I dream of you

By night I pronounce  aloud your name
and suddenly my heart is filled with tenderness
and I tell you the sweetest words,
I express for you the truest prayers
and the most beautiful thoughts of you,
I think about the stars that will lull you
about the moon is your home,
about the universe that is your world,
I think of great love in your heart
and I pray that your life is good and serene,
then the night ends
and dream of you fades away,
by day I hope night is coming soon
to meet you again …

Il tuo mondo è il mondo (per un bambino autistico)

Il tuo mondo è il mondo

boy-1264159_640

Quando tu ascolti un filo d’erba crescere

o quando tu osservi le formiche

o giochi per ore con la tua lente numero tre

io so che tu sei lontano nel tuo mondo e che quasi non ti accorgi di me

ma io lo so che non è così

tutto senti, tutto percepisci, tutto vive in te

tanto che il rumore del sangue nelle tue vene talvolta è troppo forte,

io so che quando tu sei lontano, in quello che gli altri chiamano il tuo mondo,

tu sei felice e vivi e ami

e nulla dimentichi, neppure me,

e il tuo mondo non è una bolla a parte,

il tuo mondo è il mondo,

fatto di fili d’erba, di fruscii d’alberi,

di gocce di rugiada, di ali di libellule,

di scintillii del fiume, di colori e profumi dell’alba,

di pensieri leggeri e pesanti, di particolari piccoli piccoli,

di zampette di coccinelle o di infiniti grandi numeri,

e tutto sta nel tuo mondo,

e ogni cosa che tu vedi e percepisci

tu l’accogli dentro te e l’ami profondamente

come fosse una parte di te;

e quando tu sei lontano, in quello che gli altri chiamano il tuo mondo,

tu non sei lontano,

tu stai amando il mondo e lasci che esso ti avvolga,

e non senti più paura, e non senti più fatica, e non senti più che sei sbagliato o diverso,

tu sorridi al mondo,

no, tu non sei lontano, quando sei lontano,

tu sei il mondo

(foto di Qimono)

§§§

Your world is the world

When you listen to a blade of grass growing

or when you observe the ants

or you play for hours with your lens number three,

I know that you’re away in your world and that almost you pay no attention to me

but I know that is not as it seems,

everything you hear, everything you perceive,

everything is living inside you,

sometimes so much that the noise of the blood in your veins is too strong,

I know that when you are far away, in what others call the world of yours,

you are happy and you are alive and you really love

and you forget nothing, not even me,

and your world is not a bubble aside,

Your world is the world,

made of blades of grass, the rustling of trees,

dew drops, dragonfly wings,

the sparkles of the river, the colors and scents of dawn,

of light and heavy thoughts, the small little details,

the legs of ladybugs or infinite big numbers;

and everything stays in your world,

and everything that you see and perceive

stays inside you, you accept and love all so deeply

as it were a part of you;

and when you are far away, in what the others call the world of yours,

you’re not far away,

You’re loving the world and you let it envelop you,

and you no longer feel afraid, and you no longer feel fatigue, and no longer feel that you are wrong or different,

you smile in the world,

no, you’re not far off when you’re away,

You are the world

Vorrei (per un figlio)

hands-105455_640

Vorrei, ogni volta che soffri,

prendere su di me il tuo dolore;

vorrei ogni volta che sei felice

farmi piccola piccola e guardarti di nascosto per non disturbare;

vorrei tenerti tra le braccia ogni volta che hai la febbre

e rassicurarti dolcemente senza mostrare la mia preoccupazione,

vorrei venire ad annusare il tuo profumo ogni notte mentre dormi,

e indagare la profondità del tuo viso per capire il tuo mistero,

vorrei mille volte regalarti al mondo quando esso ti sorride,

e vorrei mille volte rimetterti dentro alla mia pancia quando esso ti fa male,

vorrei darti il mio sorriso

per dirti che la ti Vita ti ama,

vorrei darti la mia gioia

per dirti di amare la Vita,

perché, amore, non c’è niente di più importante al mondo

che l’Amore

e vorrei che tu non avessi paura, mai,

di non riuscire a dare amore

§§§

My wishes for a son

Whenever you suffer, I would like
to take on me your pain;
whenever you’re happy, I would like
to get tiny and look at you without disturbing;
I would hold you in my arms every time you have fever
and reassure you gently without showing my concern,
I would come to smell your perfume every night while you sleep,
and investigate the depth of your face to see your mystery,
a thousand times I would like to bear you to the world when it smiles at you,
and a thousand times I would like to put you again inside my womb when it hurts,
I would like to give you my smile
to tell you that Life loves you,
I would like to give you my joy
to tell you to love Life,
because, dearie, there is nothing more important to the world
that Love
and I wish you’ll never be scared
not being able to give love.

(foto di Blanka)

Amori a senso unico

amori a senso unico

Io amavo te

e tu amavi il mondo.

Tu desideravi essere utile con le tue idee al mondo

io volevo essere utile a te con le mie preghiere.

Tu cercavi il mondo affinché potesse ricordarti di te

io cercavo soltanto di farmi ricordare da te.

Tu hai amato il mondo

calpestando un granello di sabbia,

io, attraverso te, ho amato

il mondo intero.

§§§

One way lovers

I loved you
and you loved the world.
You wanted to be helpful with your ideas to the world
I wanted to be helpful to you with my prayers.
You were craving the world that it might remind you, forever,
I was just trying to get me remembered you by.
You loved the world
stepping  a grain of sand,
while I loved, through you,
the whole world.

Incomunicabilità

legs-1031660_640

 

Simon: Non sto aspettando proprio nessuno, né un treno né una persona. Mi sono perso. E non ho nessuna voglia di essere ritrovato.

Simon non aspetta nessuno, si sente perso, fuori dal mondo, estraneo e lontano, non desidera più alcun contatto con il mondo.

Simon è uno dei personaggi del testo teatrale Lost Persons Area di Giulia che vi invito a leggere qui https://donutopenthisblog.wordpress.com/2017/02/18/lost-persons-area/

Il personaggio di Giulia è schiettamente sincero e iper realista.

In questa frase Giulia sintetizza molto bene vari aspetti della condizione umana attuale, il senso di non appartenenza, l’incomunicabilità ormai senza speranza, il senso di estraniamento e di allontanamento dal mondo.

 

Il mondo, a volte

all-1784245_640

Il mondo, a volte, va avanti

e sembra fare a meno di me,

il mondo corre veloce

ed io resto indietro anni luce,

resto lontana e sola,

in un attimo il mondo fa quello

che io non ho fatto in tanti anni e che mai farò,

il mondo ama e concepisce figli,

senza neppure pensarci, spesso,

il mondo odia e combatte e uccide

senza neppure rendersi conto, spesso,

mentre io resto in disparte

e scrivo poesie che tu non puoi capire,

mentre scrivo parole d’amore che non puoi leggere,

mentre do amore che non puoi accogliere,

mentre ti penso e tu mi respingi

mentre ti amo e tu non mi vuoi

mentre sono felice di amarti anche se mi mandi via,

mentre amo te

che rappresenti tutto il mondo

che mi lascia in disparte,

sola e lontana,

e che sembra fare a meno di me, a volte

 

(foto di comfreak da pixabay)

Bruciature

cigarette-1496721_640

Ogni giorno ti mandavo un sorriso

nella speranza che tu potessi sorridere,

non a me, piccolo fiore,

ma al mondo intero,

non era facile trovare un sorriso da regalarti

ma ne scoprivo sempre uno nuovo, invincibile, solo per te.

Ma tu spegnevi sigarette ardenti

sulle pupille del mio amore

e quei sorrisi, ora,

non hanno labbra ma vivide bruciature,

occhi spenti e speranza morta.

Tempo di polvere

dust-1158882_1280

Aspetto un ritorno che non tornerà,

aspetto un natale senza un Gesù bambino,

aspetto una vita che non arriverà,

ci vuole pazienza ad aspettare

tutto ciò che sai perfettamente che non sarà;

è da quando sono nata che aspetto

porta pazienza, aspetta che il tempo non ti aspetta:

di polvere di ossa è pieno il mondo.

(foto di Ivabalk da pixabay)

Io sono la Luce

sunrise-1557093_1280

La luce m’imbeve. M’inebria. Toni caldi e teneri. Abbraccio divino destinato a tutto l’universo. E il figlio dell’uomo riecheggia tra le tinte morbide ed infuocate dell’alba.

Io sono la luce del mondo” e ci invita ad essere altrettanto.

Io sono come la luce?

Chi mi darà braccia tenere e forti per abbracciare l’Universo?

Per essere presente ad ogni creatura ed avvolgerla d’amore?

Chi mi darà la sua forza travolgente e la sua dolcezza?

Di quante albe ti sei nutrito, Cristo, per arrivare a dichiarare alla storia

io sono la luce del mondo?

Quante volte i tuoi occhi si sono inebriati di luce?

Lunghe ore di attesa nella notte.

E poi lo scoppio dell’incendio sul filo dell’orizzonte.

E tu là incollato alle labbra del nuovo giorno…

Fausto A. Marinetti da una lettera del 1/1/98 Imperatriz, Maranhao

(foto di AdinaVoicu da pixabay)

Bella…solo per me

La comunicazione profonda tra due persone è una rarità di valore inestimabile. La sola cosa che ci permette di sottrarci a quella trappola che è la solitudine esistenziale da cui tutti proveniamo e cui tutti siamo destinati. Si nasce soli e soli si muore, ma nel nostro cammino su questa terra è possibile incontrare qualcuno in grado di inabissarsi nei nostri meandri più profondi ed oscuri, portandovi luce, calore, conforto. Qualcuno che a quell’abisso riesce a parlare e a dare ascolto. Una condizione tanto rara quanto labile, appunto. Non bisognerebbe mai dimenticare quanto certi incontri siano preziosi, e quanta attenzione e cura e sacrificio e sofferenza meritino. Perché oltre quel meraviglioso e sottilissimo filo, c’è un silenzio senza confini.

Ho trovato queste premesse in  http://sguardsurlej1962b.blogspot.it/2009/03/ivano-fossati-il-bacio-sulla-bocca.html e mi sembrava che fossero le parole adatte a quello che ho dentro anche se preferisco sia la delicatezza della musica e la forza del testo ad esprimerlo nel più profondo, oggi parla a me, solo per me e quel qualcuno che mi parla sono io…

 

Ivano Fossati dal Vivo Vol III – 07 – Il bacio su…: http://youtu.be/sxrYtxx_H50

 

Bella,
che ci importa del mondo
verremo perdonati te lo dico io
da un bacio sulla bocca un giorno o l’altro.

Ti sembra tutto visto tutto già fatto
tutto quell’avvenire già avvenuto
scritto, corretto e interpretato
da altri meglio che da te.

Bella,
non ho mica vent’anni
ne ho molti di meno
e questo vuol dire (capirai)
responsabilità
perciò…

Volami addosso se questo è un valzer
volami addosso qualunque cosa sia
abbraccia la mia giacca sotto il glicine
e fammi correre
inciampa piuttosto che tacere
e domanda piuttosto che aspettare.

Stancami
e parlami
abbracciami
guarda dietro le mie spalle
poi racconta
e spiegami
tutto questo tempo nuovo
che arriva con te.

Mi vedi pulito pettinato
ho proprio l’aria di un campo rifiorito
e tu sei il genio scaltro della bellezza
che il tempo non sfiora
ah, eccolo il quadro dei due vecchi pazzi
sul ciglio del prato di cicale
con l’orchestra che suona fili d’erba
e fisarmoniche
(ti dico).

Bella,
che ci importa del mondo.

Stancami
e parlami
abbracciami
fruga dentro le mie tasche
poi perdonami
sorridi
guarda questo tempo
che arriva con te
guarda quanto tempo
arriva con te.

Innestati d’amore infinito

butterfly-492536_1280

Ascolto  le gocce di pioggia che ad una ad una cadono sul tetto

e i tuoni che rovesciano la montagna dentro al mare

ma che ci importa se la montagna rotolerà nel mare

ma che ci importa se la pioggia distruggerà la valle.

Ascolto i tuoi battiti che regolano l’universo,

ascolto il tuo cuore che come valanga travasa nel mio :

io e te
nel nostro rifugio dal mondo

immersi nella linfa della natura

innestati d’amore infinito

Noi non ci apparteniamo

earth-1149733_1920

Scrivo per pagare un debito con gli amici. Bisogna buttare nella spazzatura le false umiltà: è un dovere mettere in comune le ricchezze interiori. Perché noi non ci apparteniamo. Se uno ha un cerino non può tenerlo per sé, ma deve accenderlo sulla piazza del mondo, dove c’è tanto buio.

(da Ai confini di Dio di  F. A. M. )

(foto da pixabay )

Come un geco :)

Come un geco… 🙂

come un geco 2Mi arrampico, non cado e resisto alle difficoltà;

mi mimetizzo e non mi nascondo dalle mie paure;

mi scaldo al sole e mi ricarico di energia;

osservo le piccole cose e sono felice;

una goccia d’acqua è una sorgente;

una foglia il mio ombrello;

un albero un mondo da scoprire;

un anfratto nella roccia il mio universo;

la notte il tempo per cacciare;

il giorno il tempo per sognare…

come un geco 1

Forse una doppia goccia

fiore blu

Doppia goccia d’acqua- doppia goccia di pensiero

Vorrei scriverti una poesia

per dirti quanto ti penso

mentre sta piovendo

ora piano ora forte

l’intensità non cambia

quando ogni goccia risuona nel mio cuore

io penso alle tue lacrime,

io penso a te che permetti alla pioggia di bagnarti

ed io vorrei essere quella pioggia.

Le nubi nere corrono in cielo e inizia a piovere d’un tratto

e I pioppi si inchinano e poi risalgono

e io ascolto la mia musica dentro di me

e mi sento libero per un istante.

Lascio il mondo fuori di me, per un istante.

Per un istante non mi schiaccia.

e poi salgo ad asciugarmi dalla pioggia, accidenti.

Ma non fa niente. Poter sentire le gocce una a una

è stata una grande libertà.”

Basta una sola goccia di pensiero –

basta una sola goccia di pioggia-

Vorrei spiegarti

quel senso di attesa che finisca il temporale

senza portarmi distruzione,

quel senso di speranza d’eterno

senza causarmi perdita,

quel senso di sospensione tra il tuo silenzio e il tuo ritorno

senza farmi spavento che tu non torni più

io penso

a te

mentre le tue lacrime si mescolano alla pioggia

e ti domandi qual è il tuo senso.

e guardi il cielo di velluto lontano

e sei sicuro che stelle e luna ci sono sempre

anche se assenti o invisibili

io ti domando

se basta una goccia di pioggia

a superare ogni distanza

ogni differenza

tu rispondi

Dipende la distanza fra cosa.
Fra due atomi basta una molecola.
Se guardiamo l’uomo rispetto all’universo, è un atomo.
Quindi basta proprio poco.
Basta una goccia di pensiero.”

io ti penso

io ti vedo

ti ricreo con la forza di una goccia d’acqua

come cielo che si specchia nelle pozzanghere

ti disegno un volto puro

e un cuore intatto

accendo le tue labbra di sorrisi

illumino i tuoi occhi

e annullo il pianto.

Ma è solo un illusione

una sola goccia non può-

Forse una doppia goccia di pioggia,

forse una doppia goccia di pensiero-

Il tuo metro del mondo

Come puoi misurare il mondo?

Tu misuri il mondo notte e giorno

prepari schemi

funzioni matematiche

raffini i numeri del pgreco

disegni carte da decifrare

di notte le metti a punto

il giorno le metti in discussione

perchè il mondo è mutevole e imprevedibile

tutto cambia in un secondo

ed è tutto da riordinare

Sposti muovi definisci i confini del mondo

imponi a te stesso complicate regole

per comprenderlo

organizzi la conoscenza del mondo

scrivi equazioni d’amore

costruisci dighe sul mare

erigi grattacieli di stelle

capovolgi radici di alberi

per farne aquiloni

l’imprevedibile scombina i tuoi piani

rendendo incoerenti i tuoi pensieri

La bilancia è da tarare

I pesi da calibrare

ti serve un metro esatto

per la misura perfetta del mondo

con quale materia lo forgerai?

Di pietra si sfalderà

di ferro farà la ruggine

di vetro si infrangerà

di carta si strapperà

di legno brucerà

Sarà di nuvole

non brucerà come legno.

Sarà di speranza

è più forte della realtà.

Sarà di amore

è più tenero della pietra.

Sarà di libertà

è più fragile del vetro.

Sarà di felicità

è più leggera della carta.

Sarà di polvere di stelle,

innamorata,

viaggerà nell’universo

e porterà a tutti

il tuo messaggio d’amore

e di pace.

Con quale materia forgerai

il tuo metro del mondo?

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

lementelettriche

Just another WordPress.com site

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Mai sulla terra

- solo per sognatori seriali -

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

Cronaca, ambiente, cultura, interviste, reportage e politica

Savy Baby Activities

Educational Activities for Young Children

natural origami

exploring math and nature through paper folding

smallestforest.wordpress.com/

Express yourself. It is later than you think.

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

A Binding Passion

Logos endiathetos - the word remaining within

Una caffettiera sul fuoco

"A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco" (Erri De Luca)

Chic After Fifty

Il fashion blog di Anna da Re

Zaino e Via

"Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi"

The Milos-Ivanski Studio

Featuring the work of Lori Milos-Ivanski

Artigianeide

Nuove forme e interpretazioni artigianali per reinventare ciò che viene fatto da sempre

MONDO ADHD BLOG

ADHD: consapevolezza e responsabilità per cambiarne il destino

Mi objetivo es luminoso

Fotografío cosas..

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

Parole Diverse

Centro per la relazione di aiuto

SOLCHI

Quando verrai, o dio dei ritorni, mi coprirò di rugiada e forse morirò per ogni possibile resurrezione

Short Prose

short prose, fiction, poetry

Dreamer's Travel Diary

Share with people my experiences and travels

Giuditta Michelangeli (tra versi e prosa)

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata. Lo pseudonimo è uno strumento ed è confusione, è uno strumento per confondersi. ("Sii sempre un poeta, anche facendo prosa.” - C. Baudelaire)

encuadernacionartesanal

Es una espacio para compartir mi experiencia en el oficio de la encuadernación artesanal a través de ejercicios sencillos y prácticos

Idee per l'Escursionismo in Casentino - Toscana

Il Casentino che non ti aspetti!

I miei borghi

I borghi italiani in mostra

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

Viaggiando con Jo

Viaggia Vivi e si Felice

Attimoinpiu

Prendersi un attimo per sè stessi ed aprire la pagina di un libro

Il Tuo Inquisitore: Il Tempo

Riflessioni, pensieri, parole, idee, sogni, paure e desideri....un mix dove il tempo è il link

Il mio spazio creativo

La creatività non è un talento. E' un modo di operare. (John Cleese)

Peacock's house

an amish way of life

La factory delle mamme

Curiosità, notizie, viaggi, moda e bambini

A Creative Need

Digital Stamps, Art, Design

un viaggio per due

scoprire, ricordare, raccontare

AtlantideKids

letteratura per l'infanzia

@didiluce photo blog

"Chi evita l'errore elude la vita." C. G. Jung

Simone Stabilini

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.