Regalo miele

Per me il regalo o meglio il dono è un modo di esprimere il proprio affetto e non necessita di essere contraccambiato. Non sarebbe più un dono ma merce di scambio.

Mi trovo in una situazione molto spiacevole.
Sperando di fare cosa gradita ho inviato tre vasetti di miele ad un’amica. Essendo a conoscenza della sua contrarietà al Natale, ho specificato all’azienda di spedire il pacco il 27 dicembre proprio perché non era un dono legato al Natale bensì un dono di amicizia. Essendo questa persona a casa e non al lavoro in questo periodo festivo avrebbe potuto ricevere il dono senza disagi.
Ebbene, avvisato l’amica del dono, e verificata la sua avversione, ho dovuto annullare la spedizione. Cio’ mi ha molto mortificato. Mi sono sentita in colpa per un pensiero gentile e gratuito, senza obblighi o pretese di avere qualcosa indietro (nemmeno grazie deve essere dato per scontato). Penso che viviamo in un mondo in cui gentilezza e delicatezza sono visti con sospetto e paura.
Insomma… vi regalo virtualmente un vasetto di miele in segno di ringraziamento della compagnia sincera e gratuita che mi regalate ogni volta che leggete e commentate. Spero vi sia gradito. Grazie e sinceri auguri . Antonella
Annunci

Il presepe nel sidecar

Un presepe in un sidecar all’ingresso di Longiano (FC) nelle colline romagnole ben esprime il carattere gioviale del paese che nel periodo di Natale ospita ben cento presepi sparsi nelle vie e nelle sue numerose chiese e musei.

 

Volpina Blu al mercatino

Ho partecipato per la prima volta ad un  mercatino di Natale con i miei prodotti a Palazzo Pretorio a Terra del Sole, a pochi chilometri da casa mia.

Esperienza molto bella, mi reputo molto soddisfatta, ho riscosso molto interesse e ho avuto molto sostegno da parte dei miei amici.

Il lavoro è stato tanto, in soli 10 giorni ho realizzato i prodotti che mi ero prefissata e ho esposto con grande orgoglio e desiderio di comunicazione.

Ho potuto spiegare i miei prodotti , essere ascoltata ed apprezzata.

Ringrazio tantissimo l’organizzazione del Borgo Fiorentino per la gentilezza e la disponibilità, in particolare ringrazio Chiara. Mi sono sentita accolta. Grazie mille!

Ottima anche la cucina degli stand.

ecco alcune foto di questa esperienza:

ed ecco alcuni dei prodotti proposti:

Lettere per Babbo Natale in formato famiglia o amicizia

 

Ecco un set di 10 buste in cui inserire le lettere per babbo Natale in formato famiglia o gruppo di amici.
Da appendere alla parete o da un capo all’altro di una stanza.
Questo oggetto cucito a mano e con l’intento di dare gioia, regalerà alla vostra casa un senso di allegria e di calore.
Le buste sono in feltro in cui inserire la lettera per Babbo Natale dimensioni H 8,5 L 14; le
piccole cornici rivestite in feltro sono per foto 5×7 cm.
Sono inserite in un filo elastico, regolabile a piacere.
Prodotto personalizzabile nei colori e nella quantità delle buste.
Questo set è da 10 buste.

https://www.etsy.com/it/TheFlowerAndTheStar/listing/548861412/buste-per-le-letterine-per-babbo-natale?utm_source=Copy&utm_medium=ListingManager&utm_campaign=Share&utm_term=so.lmsm&share_time=1507197760434

C’e’ posta per Babbo Natale…

​un’allegra decorazione natalizia: buste per le vostre letterine per Babbo Natale. Inserite la vostra foto in corrispondenza della busta cosi’ Babbo Natale non potra’ sbagliare il regalo !

grazie a Monica per questo ordine per il suo gruppo di 10 amici con i quali trascorrera’ una felice e colorata vigilia di Natale con le allegre letterine.

un’idea di TheFlowerAndTheStar di Antonella Marinetti

visita il negozio su etsy


https://www.etsy.com/it/shop/TheFlowerAndTheStar

La macchina del tempo

christmas-tree-1856343_640

La sera dell’8 gennaio prima della ripresa della scuola materna, mio nipote di 4 anni chiede alla sua mamma:

“Mamma costruiamo la macchina del tempo?”

“Non esiste, è una cosa di finzione, esiste solo nei film, perché dove ti piacerebbe andare?”

“Mi piacerebbe tornare alle vacanze di Natale!”

!!!

A e fog d Nadel

Continua il tradizionale appuntamento con il fuoco di Natale a Castrocaro Terme dal 24 dicembre al 6 gennaio. Il fuoco resta sempre acceso ed e’ un punto di incontro per mangiare qualcosa oppure riscaldarsi con un ottimo vin brule’ preparato dagli Alpini.



​​

Scene d’ordinaria allegria natalizia.

jingle-bells-1873666_640

I colleghi e i capi festeggiano il natale, una finta grassa triste allegria, un brindisi al lavoro che è stato buono, un brindisi alla prossima cassa integrazione, chi pensa allo straordinario, chi al licenziamento, chi al fatturato alle stelle, gli occhi lucenti e le guance paonazze, c’è chi sfoggia assurde orecchie da renna, chi berretti con lucette rosse, mentre dall’altoparlante impazza uno sfrenato jingle bells tra improbabili foto di gruppo e improvvisati trenini d’ipocrisia…

(foto di BarbaraAlane da pixabay)

Vi abitano altri

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Ritorno nei miei sogni

nella casa in cui ho vissuto,

appena sposata,

ritorno nei miei sogni

nella casa in cui sono stata felice, forse.

La vita era tranquilla,

un piccolo giardino fiorito,

una finestra sul castello

che pareva un quadro,

la domenica mattina la casa era piena di luce,

avevo due gatti, un marito,

nessun figlio,

ma la vita era tranquilla,

era semplice,

ero felice, forse.

Nella mia casa ora abitano altri,

sono felici forse,

hanno un amore,

curano il giardino che è stato il mio,

guardano il castello dalla mia finestra,

non hanno due gatti,

ma hanno un figlio.

Nella mia casa abitano altri,

io ho cambiato strada,

non passo più davanti alla mia casa di una volta,

mi fa male vedere le luci accese,

e le decorazioni di natale,

e pensare che là dentro

abitano altri

e sono felici, forse.

(nella foto la mia tavernetta con la finestra “quadro” e il mio giardinetto, Natale 2007)

Anamnesi del fenomeno Palle di Natale.

Anamnesi del fenomeno Palle di Natale : ovvero tutti i perché di un successo svelato dal suo interno.

22 dicembre 2013

Premessa: nel dicembre 2013 lavoravo in un laboratorio fotografico e la novità del natale era la palla di natale in plexiglass trasparente contenente una foto e per tutto il mese di dicembre confezionai un totale di 6000 palle tanto che alla vigilia di natale giunsi ad uno stato tale esaltazione o di adrenalina natalizia da poter concepire questo scritto divertente e di appenderlo alla bacheca del mio posto di lavoro come un mio sincero “dono” di Natale per la fabbrica intera, colleghi e superiori. la prima reazione dei miei lettori per caso fu di sconcerto alla parola anamnesi, sicuramente qualcuno pensò che dovevo essere andata fuori di testa, la seconda reazione fu di stupore, la terza reazione fu di sconvolgimento emotivo, la quarta reazione fu la scoperta di una persona che molti dei miei colleghi, superiori e dirigenti non conoscevano per davvero, cioè io , e la quinta reazione fu solo mia, di sorpresa per essermi resa conto di quanto mi fossi divertita a scrivere questa cosa, ma talmente tanto che mi era tornato il desiderio di scrivere, cosa che stavo trascurando da molti anni, insomma fu per me una specie di epifania: io sapevo ancora scrivere e regalare un’emozione. buona lettura e buon divertimento! Le palle di Natale sono partite piano, inaspettate, in sordina, poi è stata una rincorsa, un gioco al rialzo giorno dopo giorno fino quasi alla fine…palle, palle, palle… Intanto quanto abbiamo scherzato al lavoro sul significato di questa parola che si presta a varie interpretazioni, ma le parole non hanno malizia in sè… Perchè le palle? Perchè questo prodotto semplice, poco tecnologico, ma così mediatico nella sua immediatezza stava guadagnando uno spazio sempre più grande e così inaspettato per noi del settore fotografico? Io la donna delle palle, continuavo ad interrogarmi sul perchè di questo successo mentre nel mio piccolo e umile angolino tagliavo, impallavo e confezionavo una palla dopo l’altra. Lentamente si andava formando sotto ai miei occhi e sotto alle mie mani un inatteso affresco italiano. La domanda esatta che mi ponevo era questa: perchè le palle hanno così successo, qual è il segreto del loro successo ? Inizialmente noi addetti ai lavori ritenevamo che il fenomeno sarebbe stato temporaneo, legato alla stretta necessità intorno al 7- 8 dicembre di allestire gli alberi di natale, dopodichè se ne ipotizzava un calo.Dopodichè si aggiunse anche la promozione 3×2, e le palle fioccavano, finita la promozione si poteva stimare che le palle si sarebbero sgonfiate, invece no il prodotto continuava a tenere e a scalare le classifiche delle vendite. Il fenomeno Palle è stato in continua e costante salita, una lunga maratona, i numeri li lascio volentieri ai contabili, io qui vorrei parlarvi di filosofia, ricordando a voi e per prima a me stessa che non è la barba che fa il filosofo, come l’abito non fa ilmonaco, nè il camice fa il dottore…(queste erano frecciatine ironiche non capite verso colleghi e capi) Ma procediamo con ordine. Carta d’identità del prodotto: immagine rotorda di foto su carta patinata, palla trasparente apribile costituita da due metà con divisorio interno per la foto, fiocco di colore neutro, scatolina con fiocco rosso stampato per confezione. Un articolo semplice senza alcune pretese tecnologiche, un articolo da bricolage. e qui avevo il primo dubbio: un vero appassionato di bricolage le palle se le fa da solo senza andare dal fotografo, va nei negozi di bricolage, compra l’occorrente e se le fa da solo, ciò mi faceva pensare erroneamente che l’acquirente di palle dal fotografo o da un sito di stampe fotografiche digitali fosse una persona negata per il bricolage oppure una persona che disponeva di poco tempo e di poca fantasia per preparare un regalo originale. Per quanto riguarda il prezzo, era un prezzo accettabile visto i tempi di crisi, nè caro nè economico, una volta conclusasi la promozione dovetti riconsiderare che ciò che attirava non era il suo prezzo, perchè le palle non cessarono, il prezzo non era dunque il motivo del loro successo. Non si trattava neppure di una chissà quale novità, di palle se ne erano già viste di tutti i tipi e di tutti i generi…E allora? Vuoi vedere che… mi sto sbagliando, vuoi vedere che chi sceglie la nostra palla come regalo non è quella persona che non ha dimestichezza con il bricolage, e neppure quella che dispone di poco tempo, e neppure quella che vuole fare un regalo dal costo contenuto. Iniziavo ad essere convinta che ci fosse dietro qualcosa di più profondo…Ma analizziamo la palla da più vicino, prendiamo la lente di ingrandimento…Intanto sull’occhiello in cui si infila il fiocco c’è scritto in piccolissimo il nome della nostra città, e Italy, che cosa strana e nel contempo che finezza! Se vuoi vedere questa scritta la vedi altrimenti passa del tutto inosservata, è proprio vero “l’essenziale è invisibile agli occhi”(Saint Exupery) ! E la palla? Essa è divisa in due metà con divisorio interno in cui va posta la foto, poi si uniscono le due metà con un leggero scatto, la palla è così impallata. si fa la scatolina, si aggiunge il fiocco e il mio gioco è fatto. Avviciniamo ancora di più la nostra lente alla palla: è un oggetto sferico, trasparente, liscio al tatto, rotondo appunto, un oggetto in cui si può racchiudere un’immagine, un ricordo, ma anche un pensiero, un’idea, una visione della vita. Una palla, un’immagine, unite insieme per augurare un buon Natale, per fare un regalo, per fare un regalo, per regalare un pensiero. Passiamo a considerare i contenuti delle immagini: neonati, bambini, presidenti di squadre di calcio, animali domestici, neomamme in dolce attesa, esponenti politici patinati, antenati defunti, spiagge caraibiche, babbi natale, pubblicità commerciali di palestre, sposi, paesaggi innevati, le parole più gettonate sono ovviamente buon natale, ma anche frasi d’amore tra fidanzati, messaggi d’amicizia, auguri per i nonni, preghiere religiose, inni sportivi…Una delle più belle immagini resta secondo me la pancia della donna in dolce attesa, per il suo parallelo, nella palla, una bolla di plastica, è racchiusa una pancia che racchiude in sè un’attesa di vita nuova e tanti desideri e sogni e speranze, e il tutto contenuto all’interno di una semplice palla ha qualcosa in sè di commovente,(e ciò detto da una per la quale la maternità è la cosa più aliena che ci sia). E ancora la palla di Natale non necessita di campagne pubblicitarie , il suo sponsor naturale è l’albero stesso. Si potrebbe aggiungere tanto altro ancora ma torniamo alla domanda principale. Perchè questo successo e cosa rappresenta? La mia risposta da umile osservatrice è stata questa che la palla è semplice, immediata, non tecnologica, di per sè e in sè è espressione del Natale, è quello che si dice ti ho fatto un pensiero, in ultimo la palla viene appesa all’albero e ne è parte integrante e insostituibile. La palla contiene un’immagine di noi dei nostri cari dei nostri animali domestici dei nostri bambini e nipoti, ci rappresenta come un biglietto da visita con cui farsi ricordare e ricordare, esserci. Questo successo deve servirci a non farci perdere di vista la nostra storia di fotolaboratorio, oggi così in rapida evoluzione, deve aiutarci a non farci perdere di vista la nostra missione di stampare foto, produrre immagini per fissare i ricordi, foto che costudiscano la memoria, foto per ricordare e per farci ricordare come una palla di Natale. Questo infine è il messaggio contenuto nella mia palla: auguri.

 

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Libri per Sognare

Letture e illustrazioni per l'infanzia

mygirllollipop

sharing handmade cards

carlo maria cirino

www.coibambini.com

FLOW.

KEEP YOUR FLOW. RIMANI NEL FLUSSO

La Non Margherita

Cantastorie o contaballe, l'importante è far sognare

daniele peluso

Benvenuti nel mio Albergo d’Anima. Fotografia amatoriale, scrittura amatoriale, minimalismo, voli pindarici, nebbie ed utopie.

Cristalli d'estate

Racconti e poesie

Suoni diversi beccati sul mio cuore

Quali immagini se non quelle del cuore?

l'ombra esiste solo dove c'è la luce

La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

PINOCCHIO & i suoi compagni d'avventura

la storia di tanti sogni che si avverano

Byopia Press

ARTIST'S BOOKS/ALTERED BOOKS

A Papered Life

Celebrating all things paper and pretty

Sticks, Stones, and Paper Stew Blog

nature, pets, art and life

il tempo di un caffè

riflessioni leggere in un mondo un po' pesante

antoninoficili

La Poesia è in ogni cosa. In ognuno di noi c'è Poesia.

Alessandro Invernizzi

Voleremo più in alto e veloce delle nostre ali

Sui sentieri del Pollino

Escursionismo e natura nel Pollino con Saverio De Marco, Guida Ambientale Escursionistica

LISOLADIELISA

La vita è viaggio. Viaggiare è vivere due volte.

A piedi nudi

365 giorni

Mamma mia che viaggio

Make your dreams come true!

Istantanee di viaggio

Vado a cercare un grande forse

Scents of Science

Think different.

nicolekaufman

lots & lots of words

cheFavola!

la creatività è folle, vede qualcosa che ancora non esiste

una milanese a parigi

Consigli, idee ed istantanee di una vita tra Parigi e Milano

sunflowersdolleyesvibes

Segui sempre il tuo istinto!

Mammachesprint

I bambini al centro del mondo...il mio!

Guignolesco

Non è Pop, è Pulp!

Pensieri diretti

Sei un involucro del tuo DNA.

VOCI DAI BORGHI

PERDERSI TRA LE EMOZIONI DEI BORGHI ITALIANI

Stanlaurel

Da domani si volta pagina

Poesíainstante

Personal e íntimo

Libringioco

La verità non esiste, esistono solo storie (Jim Harrison)

I viaggi della Cipolla

FOTO E AVVENTURE

Wanderings in the Labyrinth

Andrew B. Watt's blog

infuso di riso

perchè nella vita ci sono poche ore più gradevoli dell'ora dedicata alla cerimonia del te pomeridiano (H. James)

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte