Partenze e addii.

Il partire da casa è una cosa semplice prepari un viaggio per mesi, a volte per anni, poi mancano poche settimane, poi una settimana poi giorni, e poi un giorno, e tu in qualche modo sei pronto, e lo devi essere per forza, quando l’aereo si stacca dal suolo, sei partito, sei già lontano, hai fatto tutto, non puoi più tornare indietro.

E non so se davvero si torna cambiati da un viaggio, sicuramente gli orizzonti si sono allargati e ne esci che si è aggiunto qualcosa in più. Non serve a niente camminare l’uno verso l’altro, si rischia di camminare su rette parallele che non si incontreranno mai, non serve a niente fare questo sforzo di infrangere le barriere se poi non ci si scambia nulla, se poi si ritorna a casa e nulla è cambiato, se l’altro non mi ha dato qualcosa ed io non ho dato qualcosa di me.

Se torni a casa e non è cambiato nulla allora c’è qualcosa che non va, faresti meglio a restare a casa, come quelli che dicono ah ma poi alla fine come si mangia bene in Italia, ah ma poi alla fine quello che c’è in Italia, ah il pane che si mangia in Italia, ah il caffè che si beve in Italia e allora rimanete a casa.

Di un’unica cosa io ho sentito la mancanza fuori di Italia, ma non perchè sia un merito italiano, ma perchè è un’eredità che viene dalla storia, ho sentito la mancanza della mia cultura perchè mi dava gli strumenti per capire e valutare il mondo, mi dava la chiave di scelta tra ciò che è giusto e sbagliato, tra cià che è bene o male, tra essere umani e non esserlo, tra il rispetto della vita e la mancanza di ciò. Non che in Italia in pratica ci sia tutto questo rispetto, non c’è di fatto, ma forse di pensiero e di cultura in astratto c’è.

Quando siamo stati assaliti da due ragazzini in un paesino in Brasile, certo che volevamo giustizia, certo che volevamo rientrare in possesso degli oggetti rubati, specie della carta di credito, di quella piccola cosa da cui escono i soldi per pagare hotel ristorante e un volo aereo, ma poi ci dissero che si trattava di due ragazzini sbandati, che facevano uso di crac e che in breve sarebbero stati presi e fermati, il che equivaleva catturati e condotti in un bosco e ammazzati come cani randagi. La mia cultura poteva tollerare ciò?

L’unico addio che io concepisco è quello della morte, questo è l’addio definitivo da parte di chi se ne va.

Poi da un viaggio occorre tornare e a volte non si ha tempo per organizzare il ritorno si deve fare in fretta, c’è l’ultimo autobus che passa, c’è l’ultimo volo che parte e non c’è tempo, infili tutto alla rinfusa in valigia e parti e chissà se tornerai e quando, pensi sempre che tornerai, ma poi non si sa se la vita te lo permetterà, se le cose lo permetteranno.

in Brasile l’ultimo taxi, la valigia chiusa per forza, se si è dimenticato qualcosa pazienza, la corsa per raggiungere l’ultimo bus utile per raggiungere Rio che è lontano 1000 km, lungo la strada diritta a fianco ad alberi diritti coltivati per la produzione della cellulosa, ci volle pure accompagnare il caro vecchietto Vicentinho, l’ultimo saluto, e poi l’ultima attesa di un bus, gli ultimi bambini che vendono gelati e picolè, piccoli ghiacchioli, bambini che ci salutano e ridono e saltano e ci chiedono ma in Italia ci sono camion grandi come questi che trasportano la legna, ci sono autobus con ruote così grandi, ci sono strade così lunghe, tanto lunghe che non finiscono più?

e ci sono cuori che amano per sempre e ci sono anime che sognano viaggi che non si concludono, e ci sono scarpe che non si consumano mai, e ci sono idee che sopravvivono per sempre, e ci sono amori che non finiscono mai, e ci sono amicizie così grande che sfidano le distanze , e ci sono oceani che non possano essere navigati e ci sono cieli e pianeti e stelle e galassie senza fine?

e che cosa rimane alla fine di un viaggio, di una storia d’amore, alla fine di una vita? un senso di stordimento, un non sapere perchè, la certezza che rimane indietro qualcosa di non spiegato, di non spiegabile, di sfuggente e su quello che sfugge ci si sbatte la testa, ce la si rompe a furia di pensarci e ripensarci, capire perchè qualcuno ci dice addio o perchè l’abbiamo detto o perchè ce lo siamo fatti dire perchè siamo stati così stupidi da farcelo dire. Perchè sarebbe stato per sempre, così semplice come bere un bicchiere d’acqua fresca, dirsi per sempre e poi finire, arrestare la corsa, fare scendere qualcuno, scaraventarlo giù, perchè quando si poteva fare se non tutto il viaggio insieme almeno una parte per essere meno soli, per essere meno disperati?

Chi ti dice addio non ti lascia via di scampo, non ti lascia possibilità d’appello, è una condanna anche questa per sempre. E pensi che cosa ho sbagliato, se non avessi detto quella parola, se avessi taciuto, se avessi amato di meno…

L’ultimo bus delle 16, 45 e sono rimasti 10 minuti per salutarsi per lasciarsi un segno, per scambiarsi qualcosa.

Jair, brasiliano tutto d’un pezzo, sessantenne dal cuore duro e sgarbato, ci mostra il video dei suoi figli e nipoti che vivono a 3000 km di distanza da lui, e si commuove e piange e dice il Brasile è un paese meraviglioso, che Dio ha creato un paese meraviglioso, ma la gente non è tutta buona, manca di umanità, di educazione, di cultura, c’è violenza, mancanza di dignità e di rispetto della vita umana, assassinii, furti, ogni sorta di violenza… Dice con amarezza che si vergogna di tutto ciò.

” e voi avete incontrato cose brutte e io vorrei chiedervi scusa di ciò, ed ecco io vorrei regalarvi la maglietta del calcio che mio figlio mi ha portato dal suo viaggio di 3000 km, e ora questa è una cosa che per me è molto cara e io vorrei darla a voi in segno di amicizia…”

” non non è necessario Jair, è un regalo speciale di tuo figlio, non possiamo accettare…”

“Prendetela così vi ricorderete di Jair, questo vecchio burbero e scontroso ma che piange vedendo il video dei suoi figli e nipoti….”

e tutto di fretta arriva il bus e occorre fermarlo in quella strada sull’oceano, la fermata è a richiesta, l’autobus che ci porterà via da Jair e dagli altri amici e via da questo paesino perduto in Brasile, e domani ancora un taxi e un altro bus e un altro aereo per l’Italia, e in valigia una denuncia per furto contro due ragazzini drogati e una maglietta che celebra l’amicizia più sincera.

Arrivederci Brasile.

Annunci

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

LUX AREA

Viaggi e Foto

Vale in-divenire...

Just another WordPress.com site

La Terra di Mezzo

La bellezza non è che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che ne è venuta fuori. Alda Merini

Tanos andando

Viaggio in sudamerica - Travel blog

CONTATTOZERO - NARCISISMO PATOLOGICO E PSICOPATIA

NARCISISMO PATOLOGICO E PSICOPATIA NO CONTACT

narcisismo patologico

Un benvenuto speciale alle/ai Sopravvissut@ al narcisismo. una volta scoperto che NON SIAMO PAZZ@ e soprattutto NON SIAMO SOL@, possiamo cominciare a rivivere un'altra volta. la miglior vendetta è una vita vissuta bene e pienamente.

Limù

- So many things to say -

Fame di parole

Storie, articoli e pensieri

La Poesia del Cuore

Questa è la poesia del mio cuore. Il mio essere, il mio amore. Dedicata alla persona che amo.

Piccoli ventagli

Poesia d'ispirazione orientale

The Art of Books

books and other mixed media works of art from the eclectic mind of jamila rufaro

La Vita, così come me la racconto

Quando sono quello che sono appare Dio dentro di me. (A. Jodorowsky)

Letters from Santa Blog

Make Christmas Magical with Letters from Santa!

prima dei tasti sul cuore

Il territorio dell'agire poetico

La porta della condivisione

La vita...è...un'avventura.........

SENZ'AZIONI

Qui sensibilizzo la mia immaginazione.

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

-Conto Alla Rovescia-

•Scegli i tuoi pensieri con attenzione, sei tu il creatore della tua vita•

piapencil

L'ironia è la prima strada verso la libertà

Illuminata

perchè tenerci tutto dentro, la comunicazione è la cosa più bella

patriziaturno

school is fun

Il tuo cielo

Li dove puoi mettere insieme persone, momenti, ricordi e sogni. Dove puoi esprimere serenamente i tuoi desideri oppure svuotarti delle tue paure. Puoi condividere le tue esperienze o aiutare chi sta in difficoltà. È il tuo cielo e decidi tu cosa vederci dentro.

L'angolo di White B.

Attraverso questo blog vogliamo parlare di NOI genitori: genitori di corsa, sempre alle prese col tempo e la gestione di lavoro e famiglia, e genitori che all’improvviso devono rallentare senza capire fino in fondo cosa sta succedendo. I loro bambini infatti sono ammalati o non ci sono più.

laspunta

Qui le chiacchiere stanno a zero... Siete capitati nel blog di un’accumulatrice compulsiva di informazioni...

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

folioandfibre.wordpress.com/

experimental mixed media, paper and textile explorations...and a place to empty my head

Woodlands and Waters

Outdoor adventures in the Tennnessee Valley and beyond

PaperMatrix

take paper in excess - add crafty fingers - and make woven wonders

fabriziocaramagna

Fabrizio Caramagna, ricercatore di meraviglie e scrittore di aforismi

SOGNOTEATRO

Il teatro è un sogno che si vive in poche ore e continua anche dopo. (Salvatore Pagano)

ALBERTO ROSSETTI

PSICOTERAPEUTA e PSICOANALISTA

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Visitare Civita di Bagnoregio

Prenotazione guida turistica, pacchetti e informazioni

Petru In Viaggio

Viaggia più che puoi. La vita non è fatta per essere vissuta in un unico luogo!

Convitto Art Lab

Creatività contemporanea negli spazi della storia

Tempo di Carta

DIAMO STILE ELEGANZA EMOZIONI PERSONALITÀ AD OGNI VOSTRA SCELTA

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

...Cilento Channel

l'informazione del cilento sul web e in tv canale 636 del digitale terrestre

Dove nascono le idee...

il blog di La Rana Viola

Final Year Research

Research for my final year projects

words and music and stories

Let's recollect our emotions in tranquillity

Biblioteca il Gatto

via battaglini cagiallo

ArteMaestra

L'arte fa diventare grandi - Blog dei Dipartimenti Educativi del Museo Bernareggi