Specialmente di notte

space-1451654_640

Specialmente di notte

sento il bisogno continuo di pensarti,

se per un momento mi dimenticassi di te,

potrei perderti del tutto dalla mia memoria.

Di te non resta che un pensiero

che sbiadisce al sole,

che inaridisce al vento,

che la nuova pioggia cancella,

ma che di notte rivive

nel sogno del cuore.

Annunci

Partorirti

hands-2383261_640

Avrei voluto portare il tuo mistero,

avrei voluto che mi sgusciassi tra le gambe

sporco, acerbo frutto,

e appoggiato il tuo cuore sul mio,

avrei visto la cosa più straordinaria del creato,

un fior di loto di fango, appena sradicato,

un pezzo di asteroide incandescente di sole,

un sogno d’infinito lanciato nel mondo…

 

 

La porta e le poiane

La porta si apre al sole, al verde, alla vita, al vento e sull’infinito…

e le poiane volano libere e maestose sul mare scosso dal vento di levante,

volano verso i nidi sulle rocce e sopra al bosco impenetrabile,

giocando con il vento e sfidando la vita.

porta

Mi aspetta un carrubo

Mi aspetta un carrubo,

per l’eternità

io dormirò tra le sue radici

come tra le braccia di un amato,

la pace porterà il vento dal mare la notte,

e il giorno sarà di sole e di turchese,

e del silenzio stellato tra le sue fronde

io ancora mi meraviglierò

Casti fiori di lillà

Scivolai sul dondolo

vicino alle tue labbra

tu soffiasti sopra alle mie,

sorridendo,

mi donasti fiori di lillà,

il tuo bacio fu lieve

come si bacia una bimba,

era un tempo di pace,

di verde quiete, di laghi tranquilli,

e di morbide colline,

tu eri terra di Finlandia,

sole di mezzanotte,

abbraccio sereno,

amore trasparente

nella tiepida estate finlandese,

soffuso colore rosa

nel crepuscolo infinito,

e casti fiori di lillà…

(per H. un amore finlandese nel giorno del suo compleanno)

… vorrei donarti tutto ma non possiedo nulla se non la speranza… (di Dora)

una delicata poesia di Dora:
… vorrei donarti tutto ma non possiedo nulla se non la speranza…

Il Mondo di Dora Millaci

Vorrei poterti assicurare

che domani brillerà ancora il sole

e così soffierò sulle nubi

che offuscano il tuo cuore.

Vorrei stringerti forte

per trasmetterti il mio affetto

e così chiederò alle stelle

d’illuminare la tua anima

e donarle serenità.

Vorrei donarti tutto,

ma non possiedo nulla

se non la speranza

e questa notte sarà tua.

(pubblicata nel libro Attimi d’eternità – Irda ed. anno 2013)

View original post

Avrei avuto voglia di sorriderti, sempre

sunset-1014794_640 (1)

Avrei voluto camminare al tuo fianco

per guardarti crescere,

per vedere i riflessi del sole sui tuoi capelli,

per vedere la luce della Vita risplendere nei tuoi occhi,

per apprezzare la tua intelligenza,

per sentire il colore del tuo silenzio,

per respirare il tuo profumo

e sentire il tatto della tua pelle,

e vederti invecchiare sereno e pacificato,

avrei voluto essere al tuo fianco,

nei giorni in cui vivi e in quelli in cui sopravvivi,

ed essere più triste quando sei triste

e più felice quando sei felice,

avrei voluto essere al tuo fianco

per onorarti, Figlio,

per onorare i tuoi successi e le tue gioie

ma anche il tuo pianto e la tua solitudine,

il tuo non sentirti abbastanza e la tua ricerca di senso,

avrei camminato al tuo fianco,

invisibile per non darti alcun fastidio e non esserti un peso,

ti avrei lasciato partire, uccellino dal nido,

e poi avrei sperato che tu tornassi con l’animo sospeso,

ti avrei aspettato quieta e fiduciosa,

ti avrei rivisto tornare forte e vero

con i segni del dolore sul tuo viso

e quelli della gioia nelle tue mani

e avrei avuto voglia di sorriderti sempre

e di prendere il tuo dolore

e regalarti la pace

avrei voluto essere tua madre per amarti ancora di più

di questo universo infinito

di cui tu sei Figlio

(foto di Marcesim)

Siamo nella stessa lacrima – Canzone di un fiore per una stella, ascoltando Luce di Elisa

Il fiore dice alla stella:

Parlami come il vento tra gli alberi
Parlami come il cielo con la sua terra,

perché tu parli con questo silenzio che spettina i miei petali come un dolce vento di primavera, perché tu parli sotto forma di nuvola che bacia la sua terra, perché tu parli come una stella che c’è sempre anche quando la notte è più buia…

così io ti amo stella…

Dimmi 
Se mi stai sentendo
Avrai cura di tutto quello che ti ho dato?

Dimmi stella mia avrai cura di tutto quello che ti ho dato come io ho cura di quello che tu hai dato a me? lo sai che io e te

siamo nella stessa lacrima,
come un fiore e una stella
Luce che cade dagli occhi,
sui tramonti della mia terra

Ascoltami
ora so piangere
So che ho bisogno di te
Non ho mai saputo fingere
Ti sento vicino
Il respiro non mente
In tanto dolore
Niente di sbagliato
Niente, niente…

Stella, ora la notte è più scura, ma io so che tu ci sei perché io e te

siamo nella stessa lacrima,
come un fiore e una stella

Cosa c’è di più intimo di una lacrima, stella mia?

Cosa c’è di più prezioso di una lacrima condivisa?

 Il sole mi parla di te…mi stai
ascoltando? Ora
La luna mi parla di te…avrò
cura di tutto quello che mi hai dato…
Anche se dentro una lacrima
come un fiore e una stella
ti prego

Ascoltami
Ascoltati

(il fiore pensa alla stella ascoltando Luce di Elisa, la parola fiore ha sostituito la parola sole del testo originale, in grassetto il testo di Elisa, il resto i pensieri di un fiore per una stella)

La torre del Marino

 

La torre del Marino si affaccia su una suggestiva area calanchiva ed è circondata da un paesaggio collinare dai profili dolci e morbidi.

Il contrasto tra l’aridità dei calanchi e i coltivi di kiwi e di ulivi delle colline e delle valli avvolge di fascino questa torre semi abbandonata.

Situata nel comune di Brisighella tra Villa Vezzano e Riolo Terme (RA), la torre del Marino fu edificata a scopo difensivo dalla famiglia Naldi nel XV secolo per la sua strategica posizione  sulla valle del Senio, durante la seconda guerra mondiale fu  bersaglio dell’artiglieria tedesca, e oggi è visitabile solo esternamente.

Io l’ho visitata in un assolato pomeriggio di febbraio in un’atmosfera di solitudine e di pace, la torre mi è dapprima apparsa isolata lontana in mezzo alle colline e i calanchi, e poi la mia attenzione è andata alle due grandi querce che sembrano farle da guardia mentre il sole iniziava a colorare di rosso le nuvole in direzione del Parco del Carnè.

Cuore di gennaio

Cuore di gennaio


Il sole caldo sul viso,
il mare leggero e soave,

silenzio di quiete nel bosco:

respiro soltanto,

annullo i pensieri,

sto in questo sole che mi riscalda,

sto in questo cielo sereno,

sto in questo mare pacifico,

sto nel respiro del bosco

nel cuore di gennaio

(2 gennaio 2017, penisola sorrentina)

Ali innamorate

papilio-22398_1280

La verità è che le distanze sono incolmabili:

che le ali del sogno sono come ali di cera

che si sciolgono al sole,

 o come ali di farfalla che si disfano in un soffio,

o come ali innamorate,

polvere di cipria tra le nostre dita …

(foto di Glady da pixabay)

La siesta di un gatto

Siesta sotto alla torre dell’Orologio a Brisighella (RA):

sotto al tralcio di vite davanti a casa un gatto si gode il sole di fine settembre,

l’aria calda limpida e pulita…

poter essere semplici come questo gatto…

Dal ponte di Furore

P1140091 (Medium)
Gra
P1140036 (Medium)
Grande Luce photo
P1140102 (Medium)
Grande Luce photo
sposa 2 (Medium)
Grande Luce photo

Dal ponte di Furore

 

osservo il tuffo che mai farò :

resto a guardare i sublimi tuffatori delle vertigini

da quell’altezza affrontare con sicurezza il mare;

resto a guardare i tenaci tuffatori di ieri e di domani

alternarsi alle stagioni della mia vita;

sul bordo del ponte io resto a fissare il tuffo che mai farò.

Dal ponte di furore

osservo una sposa che brilla nel sole

le labbra rosse

i piedi nell’acqua

lo scintillio della veste

il sorriso di rosa.

Dal ponte di furore

osservo il tuffo che non ho fatto:

bambini cercano piccoli pezzi di mattonelle

tra la sabbia il brillante perso.

(Foto di Grande Luce al Fiordo di Furore, costiera amalfitana)

Tramonto a Jacarè

Sulla spiaggia fluviale di Jacarè, vicino alla capitale del Paraiba, Joao Pessoa, ogni sera si celebra il por do sol, danza del sole nel fiume al ritmo incalzante di Bolero di Ravel eseguito da Jurady do Sax su una barca sul fiume in mezzo ai colori infuocati del tramonto. Ogni sera lo spettacolo è unico e irripetibile…

Don’t give up on me-Non rinunciare a me

Questa canzone è stata scritta da Victoria Boland e da sua madre Viga Boland, per il Canadian National Autism Association, è  cantata da Victoria Boland.

Ecco il testo con la traduzione :

Don’t give up on me – Non rinunciare a me

primo verso :

It’s so hard for me to say “I love you”
The words just don’t come out the way they should
And I know you don’t believe me, when I’m being so bad
That I’m trying so hard to be good

E ‘così difficile per me dire “ti amo”
Le parole semplicemente non escono come dovrebbero
E so che non mi credi, quando mi sento così male nel provarci,
così diffcile essere buono

pre-coro :

And at those times when you reach for me
And I push you away
Deep inside I just want you to stay, ‘cause…

E quelle volte che tu ti avvicini a me
E io ti respingo via
Nel mio profondo io desidero soltanto che tu rimanga, perché…

coro :

You’re the light in my dark, the current in my stream
My sun when it’s raining and drowning all my dreams
Without you, I can’t make it … so don’t give up on me
There’s a whole lot of love inside the person you can’t see.

Tu sei la luce nel mio buio, la corrente nel mio flusso
Il mio sole quando piove e affogano tutti i miei sogni
Senza di te, non posso farlo … quindi non rinunciare a me
C’è un sacco di amore dentro alla persona che non si riesce a vedere.

secondo verso :

I wish I could say how much I need you
I want to show how much I love your smiling face
But something deep inside keeps holding me back
And I’m lost in my own little space

Vorrei poter dire quanto ho bisogno di te
Vorrei mostrarti quanto amo il tuo viso che sorride
Ma qualcosa nel profondo mi trattiene e mi frena
E sono perso nel mio proprio piccolo spazio

pre-Coro:

Forgive me if I’m screaming…I’m desperate to show you
Who I really am, I just wanna know you….’cause

Perdonami se sto gridando … sono disperato di mostrarti
Chi sono veramente, voglio solo sapere …. perché

coro :
You’re the light in my dark, the current in my stream
My sun when it’s raining and drowning all my dreams
Without you, I can’t make it … so don’t give up on me
There’s a whole lot of love inside the person you can’t see.
Tu sei la luce nel mio buio, la corrente nel mio flusso
Il mio sole quando piove e affogano tutti i miei sogni
Senza di te, non posso farlo … quindi non rinunciare a me
C’è un sacco di amore dentro alla persona che non si riesce a vedere.

 

Io non rinuncio a te

Ode del videogiocatore di Luca_75

darth-vader
immagine da https://pixabay.com/it/darth-vader-star-wars-880128/

Ringrazio Luca_75 per il dono di questa poesia.

Luca _75  descrive la sua personale visione di viaggio e la sua plurima essenza di viaggiatore al pari di un moderno Salgari.

 http://www.lucabianconi.it/

 

Per deserti inabitati ho viaggiato solitario,
senza meta vagando dai bastioni di Keraath
agli eterni ghiacciai del nord
banchi e muti.

Tra le stelle più lontane ho trovato l’amor ignoto
del triste canto di un sole morente
ma la magia del cosmo regna viva e per una luce che si spegne
mille nuove se ne accendono.

Ho solcato mari azzurri con il cappello da pirata
inseguendo tesori e miti, ricercato dai banditi
e dai reali di sua maestà.
Barba Nera son chiamato e la Perla è la mia nave.

Mostri e Demoni, Maghi Neri sono nemici dei cavalieri
Bianchi capelli ha lo Strigo, e la gente teme il suo nome
ma un cuore nobile egli nasconde e gli ingrati aiuta
Perche di mostri egli è uccisore e in cambio chiede soltanto amore.

Per milioni di anni eppur senza tempo ho vissuto,
i mortali dal mio regno ho osservato
Ci chiamano Dei, ma Dei non siamo
Siamo i primi nati, eterni e immutabili e per questo imperfetti.

Mille vite io ho vissuto, mille luoghi ho visitato,
son stato eroe o carnefice, uomo o donna
son stato buono e anche malvagio
sono un giocatore

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

lementelettriche

Just another WordPress.com site

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Mai sulla terra

- solo per sognatori seriali -

Alessandria today @ Pier Carlo Lava

Cronaca, ambiente, cultura, interviste, reportage e politica

Savy Baby Activities

Educational Activities for Young Children

natural origami

exploring math and nature through paper folding

smallestforest.wordpress.com/

Express yourself. It is later than you think.

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

A Binding Passion

Logos endiathetos - the word remaining within

Una caffettiera sul fuoco

"A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco" (Erri De Luca)

Chic After Fifty

Il fashion blog di Anna da Re

Zaino e Via

"Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi"

The Milos-Ivanski Studio

Featuring the work of Lori Milos-Ivanski

Artigianeide

Nuove forme e interpretazioni artigianali per reinventare ciò che viene fatto da sempre

MONDO ADHD BLOG

ADHD: consapevolezza e responsabilità per cambiarne il destino

Mi objetivo es luminoso

Fotografío cosas..

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

Parole Diverse

Centro per la relazione di aiuto

SOLCHI

Quando verrai, o dio dei ritorni, mi coprirò di rugiada e forse morirò per ogni possibile resurrezione

Short Prose

short prose, fiction, poetry

Dreamer's Travel Diary

Share with people my experiences and travels

Giuditta Michelangeli (tra versi e prosa)

Scrivo per passione e per noia, scrivo per passione annoiata. Lo pseudonimo è uno strumento ed è confusione, è uno strumento per confondersi. ("Sii sempre un poeta, anche facendo prosa.” - C. Baudelaire)

encuadernacionartesanal

Es una espacio para compartir mi experiencia en el oficio de la encuadernación artesanal a través de ejercicios sencillos y prácticos

Idee per l'Escursionismo in Casentino - Toscana

Il Casentino che non ti aspetti!

I miei borghi

I borghi italiani in mostra

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

Viaggiando con Jo

Viaggia Vivi e si Felice

Attimoinpiu

Prendersi un attimo per sè stessi ed aprire la pagina di un libro

Il Tuo Inquisitore: Il Tempo

Riflessioni, pensieri, parole, idee, sogni, paure e desideri....un mix dove il tempo è il link

Il mio spazio creativo

La creatività non è un talento. E' un modo di operare. (John Cleese)

Peacock's house

an amish way of life

La factory delle mamme

Curiosità, notizie, viaggi, moda e bambini

A Creative Need

Digital Stamps, Art, Design

un viaggio per due

scoprire, ricordare, raccontare

AtlantideKids

letteratura per l'infanzia

@didiluce photo blog

"Chi evita l'errore elude la vita." C. G. Jung

Simone Stabilini

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.